Fitoterapia e Omeopatia. Moderne tecniche mediche

Farmacognosia e tossicologia di 200 bioterapici

Fitoterapia e Omeopatia. Moderne tecniche mediche  Valter Masci   Edra

Descrizione

Modernizzazione e maggiore integrazione di Omeopatia e Fitoterapia con la Medicina ufficiale: questo è lo scopo del libro.

L'analisi dell'attività farmacologica e tossicologica dei principi attivi presenti nei rimedi fitoterapici consente di descriverne l'efficacia e i meccanismi d'azione, e ne spiega eventuali effetti collaterali, controindicazioni e interazioni farmacologiche.

Per quanto riguarda l'Omeopatia, il volume propone una nuova suddivisione dei rimedi omeopatici in due categorie, quelli definibili ad azione simil-allopatica per l'azione fisiologica dei principi attivi presenti nella Tintura Madre, e quelli ad azione propriamente-omeopatica, per l'azione tossicologica dei suddetti principi attivi.

Inoltre Valter Masci rilegge i principi teorici hahnemanniani alla luce delle moderne teorie del Microdosing e dell'Ormesi, proponendo interpretazioni scientifiche ampiamente documentate.

Il libro è uno strumento di studio per il medico, il farmacista e il biologo, ed è un ausilio pratico, rigoroso e aggiornato per chiunque utilizzi la Fitoterapia e l'Omeopatia nella propria pratica quotidiana.

Indice del libro

Parte I
CAPITOLO 1 - La Fitoterapia moderna
CAPITOLO 2 - Il primo problema da risolvere in Omeopatia: lo studio delle Tinture Madri
CAPITOLO 3 - Omeopatia: principi teorici
CAPITOLO 4 - Preparazione del rimedio omeopatico
CAPITOLO 5 - Esempi di rimedi ad azione simil-allopatica
CAPITOLO 6 - Esempi di rimedi ad azione propriamente-omeopatica
CAPITOLO 7 - Gli aggravamenti omeopatici e la scelta della diluizione
CAPITOLO 8 - È indispensabile la diagnosi medica per poter scegliere il rimedio più indicato
CAPITOLO 9 - Rivalutazione di rimedi cosiddetti minori
CAPITOLO 10 - Quali diluizioni per sintomi fisici e quali per quelli psichici?
CAPITOLO 11 - Spiegazione scientifica delle cosiddette keyword
CAPITOLO 12 - Tecnica del Microdosing
CAPITOLO 13 - Teoria dell'Ormesi
CAPITOLO 14 - Omeopatia, terapia moderna
CAPITOLO 15 - Ricerca scientifica in Omeopatia
CAPITOLO 16 - Che cosa si dice dell'Omeopatia
CAPITOLO 17 - La mia definizione di Omeopatia
CAPITOLO 18 - Quali malattie si curano con l'Omeopatia e perché?
Conclusioni
Bibliografia essenziale

 

PARTE II - Monografie

Abies nigra
Abrotanum
Abrus precatorius (foglie e radici)
Abrus precatorius (semi)
Absinthium
Aconitum napellus
Actaea racemosa
Actaea spicata
Aethusa cynapium
Agnus castus
Agraphis nutans
Aletris farinosa
Allium cepa
Althaea officinalis
Alumina
Ambra grisea
Ammonium carbonicum
Anagallis arvensis
Angelica archangelica (radici)
Angelica archangelica (foglie, fiori, semi)
Angelica sinensis
Antimonium crudum
Antimonium tartaricum
Apis mellifica
Apium graveolens
Aquilegia vulgaris
Aralia racemosa
Areca catechu
Argemone mexicana
Argentum nitricum
Arnica montana
Arsenicum album
Arum triphyllum
Asa foetida
Aurum muriaticum
Baptisia tinctoria
Baryta carbonica
Bellis perennis (foglie e fiori)
Bellis perennis (pianta intera con radici)
Berberis vulgaris
Bismuthum subnitricum
Blatta orientalis
Bromum
Bufo rana
Cajuputum
Caladium seguinum
Calcarea carbonica
Calcarea fluorica
Calcarea phosphorica
Calendula officinalis
Cantharis
Capsicum annuum
Cardiospermum halicacabum
Caulophyllum thalictroides
Causticum
Chelidonium majus
Chimaphila umbellata
China
Chrysarobinum
Cina
Cinnamomum zeylanicum
Citrus vulgaris
Clematis erecta
Clematis vitalba
Cocculus indicus
Coccus cacti
Colocynthis
Condurango
Conium maculatum
Copaiba
Crocus sativus
Croton tiglium
Cubeba
Cuprum metallicum
Cyclamen europaeum
Dioscorea villosa
Dolichos pruriens
Drosera rotundifolia
Dulcamara
Elaterium
Equisetum hyemale/arvense
Erigeron canadensis
Eugenia (corteccia)
Eugenia (semi)
Euphrasia officinalis
Fabiana imbricata
Formica rufa
Galphimia glauca
Gambogia
Garcinia
Gaultheria procumbens
Gelsemium sempervirens
Gossypium herbaceum
Granatum
Gratiola officinalis
Grindelia robusta
Guaco
Guaiacum officinale
Guatteria guameria
Hedera helix
Hedeoma pulegioides
Helonias dioica
Hepar sulfur

Hydrastis canadensis
Hydrocotyle asiatica
Hypericum perforatum
Indigo tinctoria
Iris versicolor
Kali carbonicum
Kali muriaticum
Kali sulfuricum
Kalmia latifolia
Kreosotum
Laburnum anagyroides
Lathyrus sativus
Ledum palustre
Lobelia inflata
Lolium temuletum
Luffa operculata
Lupulus
Lycopus virginicus
Majorana
Manganum aceticum
Melilotus
Menispermum canadense
Mercurius corrosivus
Mercurius cyanatus
Mercurius dulcis
Mercurius solubilis
Mezereum
Millefolium
Momordica balsamina
Moschus
Mygale lasiodora
Myrica cerifera
Myristica sebifera
Natrum carbonicum
Natrum muriaticum
Natrum sulfuricum
Nitricum acidum
Nux moschata
Nux vomica
Ignatia amara
Ocimum canum
Oenanthe crocata
Oleander
Onosmodium virginianum
Oreodaphne californiana
Ornithogalum umbellatum
Paeonia officinalis
Pareira brava
Petroselinum sativum/crispus
Phellandrium aquaticum
Phytolacca decandra
Picric acidum
Picrorhiza kurroa
Plantago major
Plumbum
Podophyllum peltatum
Polygonum hydropiper
Populus tremula
Pulsatilla
Quillaja saponaria
Ranunculus bulbosus
Rathania
Rhus toxicodendron
Ricinus communis
Robinia pseudoacacia
Rubia tinctorium
Sabadilla officinarum
Sabdariffa
Sabina
Sanguinaria canadensis
Scrophularia nodosa
Scutellaria baicalensis
Scutellaria laterifolia
Secale cornutum
Senega
Sepia
Solanum malacoxylon
Solanum nigrum
Solidago virga aurea
Spigelia anthelmia
Sulphur
Sulphuricum acidum
Tanacetum vulgare
Tarentula hispana
Thallium
Thlaspi bursa pastoris
Thuja occidentalis
Tribulus terrestris
Trillium erectum/pendulum
Urtica urens/dioica (foglie)
Urtica urens/dioica (radici)
Ustilago maydis
Veratrum album
Verbascum densiflorum
Verbascum thapsus
Verbena officinalis
Viburnum lantana
Viburnum opulus
Viburnum prunifolium
Viola odorata
Viola tricolor
Xanthoxylum fraxineum
Zincum metallicum

 

 

Indice delle sostanze bioterapiche

Acetato di manganese
Achillea millefolium
Acido arsenioso
Acido nitrico
Acido solforico
Anamirta cocculus
Andira araroba
Antimoniltartrato di potassio
Arisaema triphyllum
Artemisia absinthium
Artemisia cina
Bidoruro di mercurio
Bromo
Capsella bursa-pastoris
Carbonato di ammonio
Carbonato di bario
Carbonato di calcio
Carbonato di potassio
Carbonato di sodio monoidrato
Centella asiatica
Chamaelirium luteum
Chondrodendron tomentosum
Cianuro di mercurio
Cimicifuga racemosa
Cinchona
Citrullus colocynthis
Citrus aurantium
Clematis recta
Cloruro di mercurio
Cloruro di oro
Cloruro di potassio
Cloruro di sodio
Copaifera langsdorffii
Creosoto
Dactilomus coccus costa
Daphne mezereum
Dieffenbachia seguine
Ecballium elaterium
Ergot della Secale cereale
Ferula asafoetida
Fluoruro di calcio
Fosfato di calcio
Garcinia morella/Garcina hanburyi (frutto)
Garcinia morella/Garcina hanburyi (resina)
Hepar sulfuris calcareum
Hibiscus sabdariffa
Humulus lupulus
Hyacinthoides non-scripta
Idrossido di potassio più solfato di calcio
Indigofera tinctoria
Juniperus sabina
Krameria triandra
Latrodectus tredecimguttatus
Lithospermum officinale
Lytta vescicatoria
Marsdenia condurango
Melaleuca leucadendron
Melilotus officinale
Mikania amara
Moschus moschiferus
Mucuna pruriens
Myristica officinal is/fragrans
Nerium oleander
Nitrato basico di bismuto
Nitrato di mercurio e di ammonio
Nitrato d'argento
Origanum majorana
Ossido di alluminio
Piombo
Piper cubeba
Polygala senega
Punica granatum
Rame
Rhododendron tomentosum
Sabadilla officinalis
Sepia officinalis
Solanum dulcamara
Solfato di potassio
Solfato di sodio
Strychnos ignatii
Strychnos nux-vomica
Syzygium jambolanum (radici e foglie)
Syzygium jambolanum (semi)
Tallio
Trinitrofenolo
Trisolfuro di antimonio
Umbellularia californica
Virola sebifera
Vitex agnus-castus
Zinco
Zolfo

 

Presentazione - Francesco Macrì

Lo scopo di questo libro di Valter Masci è espresso a chiare lettere: modernizzare l'Omeopatia! Anche se il concetto non venisse espresso dall'autore, emerge comunque durante la lettura, perché il punto di vista di Masci è proprio quello del ricercatore, di colui che non si "accontenta", di colui che "va a fondo". L'avevo intuito alcuni anni fa, un pomeriggio in cui, per una serie di circostanze favorevoli, avemmo modo di parlare a lungo della sua modalità di approccio all'Omeopatia: allora si parlava di una lettura in chiave moderna della descrizione delle sperimentazioni patogenetiche delle sostanze, oggi, nel libro, l'argomento è diverso, ma lo spirito è lo stesso.

Quanti di coloro che conoscono e praticano l'Omeopatia hanno spesso sentito l'esigenza di un rinnovamento, di una modernizzazione? Molti sicuramente, tutti forse, perché nelle materie mediche abbiamo difficoltà a interpretare come sintomo chiave, ad esempio per un dolore artrosico, il miglioramento con l'immobilità oppure con il movimento, ma soprattutto, in un epoca in cui la Medicina si sta muovendo nel campo delle scienze ormiche e con gli studi di biologia molecolare tenta di raggiungere l'ideale della terapia personalizzata, molti vorrebbero che anche in Omeopatia spirasse un vento di rinnovamento che probabilmente lo stesso Hahnemann considererebbe necessario. L'esigenza di rinnovamento si percepisce chiaramente e gli studi clinici controllati in Omeopatia hanno un taglio metodologico sempre più congruo. Dean, in un suo lavoro, ha indicato i criteri per applicare la metodologia Consort agli studi in Omeopatia, e nelle pubblicazioni di rilievo non si leggono più i termini "miasma", "diatesi", "psora", "sicosi", che non sono certo rinnegati ma vengono declinati in un linguaggio e in concetti più attuali. Ed è tanto vero che le cose si stanno muovendo in questa direzione che oggi c'è la possibilità di interpretare i meccanismi d'azione dell'Omeopatia anche grazie alle nuove tecnologie a disposizione.

Così succede che alcuni gruppi di ricerca (A. Dei) dimostrino come diluizioni omeopatiche di sostanze siano in grado di modulare l'espressione genica di cellule umane. Altri gruppi di ricerca (V. Elia) dimostrano la persistenza di segnali elettromagnetici nel diluente dopo aver sfondato il fatidico numero di Avogadro. Altri gruppi (J. Bellare) dimostrano la presenza di molecole della sostanza di partenza anche all'interno di diluizioni spinte per meccanismi legati alla interfaccia solvente/soluto.

Il rinnovamento può anche consistere in una reinterpretazione approfondita e analitica dei messaggi insiti nella Medicina Omeopatica ma mai evidenziati, forse per attaccamento alla tradizione, forse, e soprattutto, per la mancanza degli strumenti per farlo, strumenti sia di tipo tecnologico, che in Omeopatia hanno comunque la loro importanza ai fini diagnostici, che di tipo culturale, che solo l'evoluzione del pensiero medico scientifico può mettere a disposizione: l'esempio più significativo in tal senso è rappresentato dagli studi sull'espressione genica delle cellule poste a contatto con farmaci omeopatici, nei quali si ottiene una proficua integrazione tra tecnologia e metodologia omeopatica.

Valter Masci ha saputo cogliere il messaggio. È vero infatti che il meccanismo d'azione rappresenta in Omeopatia una tematica molto complessa da analizzare anche al di là degli ambiti dell'elettromagnetica, della fisica o dell'espressione genica ed esistono alcuni aspetti fonte di incertezza: mi voglio riferire ad alcune incongruenze nella descrizione dell'effetto terapeutico di sostanze che, se utilizzate sulla base delle leggi della similitudine, non dovrebbero averne o comunque averne ma di tipo diverso se non opposto. Qualcuno tra coloro che sono dediti alla applicazione clinica ragionata dell'Omeopatia si è chiesto mai, ad esempio, perché Chamomilla, un rimedio utilizzato in massima parte nell'approccio a problemi di comportamento, dovrebbe essere dotato, a basse diluizioni, di azione sedativa alla faccia del principio di similitudine? Dubbi simili si pone anche Madeleine Ennis dopo aver concluso le ricerche sulle diluizioni di istamina nel modulare la degranulazione dei basofili. Sono proprio le risposte a queste domande che troviamo nel libro di Valter Masci. L'autore infatti intuisce la spiegazione di tutto ciò separando i rimedi omeopatici in due categorie, quelli che agiscono per "meccanismo simil-allopatico", e che quindi vengono prescritti a basse diluizioni, e quelli che agiscono per "meccanismo propriamente omeopatico" in senso stretto e quindi prescrivibili ad alte diluizioni, illustrando tale concetto con delle schede molto pertinenti, vedasi ad esempio la Monografìa di Agraphis nutans per il primo gruppo di rimedi e quella di Croton tiglium per il secondo gruppo. Ci troviamo in pratica al confine tra Omeopatia e Fitoterapia, confine di cui Masci conosce bene le caratteristiche, grazie evidentemente a una personale preparazione in Fitoterapia. Ovviamente l'opera contiene numerose Monografie, ognuna corredata da una scelta efficace della bibliografia.

Non può sfuggire che tali concetti, se da una parte chiariscono alcuni aspetti della terapia omeopatica che non potevano essere lasciati nel vago, dall'altra inducono a interessanti riflessioni sul principio della Similitudine, riletto in chiave ragionata e attuale. Vale anche la pena di segnalare che la Teoria Ormetica, sviluppata da Calabrese in anni recenti, indica che la stessa sostanza, a seconda delle dosi in cui viene assunta o somministrata, può avere effetti addirittura contrapposti, stimolando la funzione a basse dosi e inibendola a dosi elevate, una sorta di fusione tra le due categorie di rimedi indicate da Masci. In che modo spiegare la suddivisione operata da Masci tra rimedi Omeopatici "simil-allopatici" o "propriamente-omeopatici" in senso stretto? La risposta è, verosimilmente, che la tecnica del Microdosing, che studia la Farmacocinetica delle "dosi subtossiche" dei farmaci della Medicina ufficiale, giustifica l'azione dei rimedi ad attività "simil-allopatica", mentre la teoria dell'Ormesi, che stigmatizza "l'inversione dell'effetto di una sostanza cambiando la diluizione", giustifica l'attività dei rimedi che agiscono con "meccanismo propriamente omeopatico".

Non credo di sorprendere affermando che il libro ha tutti gli ingredienti per essere letto e studiato con attenzione, perché solo il lettore attento può percepire come le contraddizioni della Medicina in generale e, in questo caso, dell'Omeopatia non possono essere accettate per dogma, ma verificate alla luce di una attenta riflessione.

Prof. Francesco Macrì
Specialista in Pediatria, Allergologia e Neonatologia
Sapienza, Università di Roma
Segretario Nazionale FISM
(Federazione delle Società Medico scientifiche Italiane)

Prefazione

In questo libro ho affrontato in modo nuovo due argomenti che sono oggetto dei miei studi e delle mie esperienze da circa quaranta anni: la Fitoterapia e l'Omeopatia. Di entrambi ho messo in evidenza le potenzialità, ma allo stesso tempo ne ho affrontato le criticità, proponendo una chiave di lettura più attuale. Lo scopo ultimo è quello di una loro maggiore integrazione con la Medicina ufficiale.

Per quanto riguarda la Fitoterapia dobbiamo precisare che essa è molto vicina alla Medicina ufficiale, fino al punto che talora non viene inserita tra le "Complementary and Alternative Medicine (CAM)". Infatti la ricerca scientifica internazionale offre una poderosa quantità di prove, sia di laboratorio che cliniche, sul meccanismo di funzionamento dei principi attivi presenti nei fitoterapici e sulla loro efficacia, e a esse faccio riferimento, in questo mio libro, per proporre una Fitoterapia moderna. La finalità è la possibilità di utilizzare i rimedi fitoterapici (secondo le indicazioni del Ministero della Salute) in modo che sia comprensibile il loro meccanismo d'azione, e inoltre di limitarne l'uso in base agli eventuali effetti collaterali, alle controindicazioni e alle interazioni farmacologiche.

Per quanto riguarda l'Omeopatia, è indispensabile che si modernizzi perché ultimamente è oggetto di forti critiche inerenti al meccanismo d'azione e alla validità da parte delle Istituzioni Pubbliche, italiane e straniere.

In questo libro presento una proposta di interpretazione scientifica dell'Omeopatia.

Ciò è indispensabile per vari motivi:
- per dare sicurezza all'operatore sanitario;
- per dare al paziente la tranquillità di fruire della terapia più adatta;
- e infine per realizzare una seria sperimentazione clinica (con trials clinici in doppio cieco randomizzato). Ma come è possibile raggiungere questo traguardo?

È evidente che l'attività farmacologica dei rimedi omeopatici dipende dal tipo di sostanza (vegetale, minerale e animale) con cui si prepara la Tintura Madre (come è chiamata la sostanza di partenza con cui si preparano i rimedi omeopatici). Il mio percorso di studio è stato prima di tutto volto a individuare i principi attivi presenti nelle Tinture Madri e poi a descriverne l'attività farmacologica e tossicologica.

La novità è che è possibile comprendere le indicazioni terapeutiche di una parte dei rimedi omeopatici (definibili ad azione simil-allopatica) facendo riferimento all'azione fisiologica delle sostanze chimiche presenti nella Tintura Madre di partenza; mentre altri rimedi omeopatici (definibili ad azione propria-mente-omeopatica) possono essere spiegati con l'azione tossicologica sempre degli stessi principi attivi.

Un esempio di rimedio omeopatico ad azione simil-allopatica è Agraphis nutans. Viene utilizzato per le rinofaringiti e le adenoididi. La spiegazione è che gli estratti ponderali di Hyacinthoides non-scripta, il suo corrispettivo botanico, contengono apigenina, lectine e alcaloidi idrossipirrolidinici che sono in grado di esercitare azione antivirale e antibatterica.

Risulta possibile una spiegazione scientifica all'attività dei rimedi omeopatici definiti "ad azione simil-allopatica"? La Teoria della Medicina ufficiale chiamata Microdosing può teoricamente spiegare l'attività delle dosi infinitesimali omeopatiche perché studia, attraverso la Fisica nucleare (e non la Chimica), la Farmacocinetica di sostanze subtossiche di farmaci allopatici somministrati nell'uomo sano alla concentrazione di microgrammi (che corrispondono alla diluizione omeopatica di 6 DH o 3 CH), di nanogrammi (che corrispondono alla diluizione omeopatica di 9 DH o 4-5 CH) e di picogrammi (che corrispondono alle diluizioni omeopatiche di 12 DH o 6 CH).

Esempio di rimedio omeopatico ad azione propriamente-omeopatica: Croton tiglium. I semi essiccati dell'albero Croton tiglium, se venuti a contatto con la cute, esercitano forte potere infiammatorio attivando le proteinchinasi (PKC) per mezzo di esteri del forbolo, i quali inoltre, se ingeriti, possedendo forte azione citotossica, provocano lesioni del colon, con conseguenti dolori addominali e diarrea sanguinolenta. In Omeopatia il corrispondente rimedio omeopatico si usa per dermatiti vescicolari brucianti e dolorose, e anche per diarree sanguinolente e dolorose. Quindi si usa con finalità diametralmente opposta all'azione tossicologica del corrispettivo ponderale. In Omeopatia questo tipo di meccanismo è definito la "legge dell'inversione dell'effetto cambiandone la concentrazione" che si verifica per altissime diluizioni. È giustificato, quindi, affermare che il rimedio omeopatico Croton Tiglium agisce in modo "propriamente-omeopatico". Qual è la possibile spiegazione scientifica all'attività dei rimedi omeopatici definiti ad "azione propriamente-omeopatica"? Bisogna ricorrere alla teoria della Medicina ufficiale chiamata Ormesi, che è studiata e sviluppata dai tossicologi. Essa sottolinea proprio il cambiamento del meccanismo d'azione di una sostanza a seconda della concentrazione alla quale viene utilizzata. Ad esempio l'alcaloide veratridina, presente nella pianta Veratrum album, applicata su cellule muscolari, a bassa concentrazione (1-10 uM) stimola i canali I(Na) (provocando contrazione delle cellule muscolari) mentre a concentrazioni più alte (>=30 uM) li inibisce. La spiegazione è che a seconda della concentrazione utilizzata la veratridina agisce su due diversi canali I(Na) chiamati Na(V)1.6, cioè interviene sui canali Na(V)l.6(-/-) oppure sui canali Na(V)1.6(+/+).

Per concludere, questo mio lavoro propone risposte scientifiche ai fondamenti teorici dell'Omeopatia e alle accuse dei suoi denigratori. Una proposta che potrà e vorrà essere sviluppata.

Libri dello stesso autore

Lo trovi anche in: Clinica Omeopatica Filosofia Omeopatica Storia dell'Omeopatia

Pagine: 464, Formato: 17x24, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Tecniche Nuove
Prezzo 33,15 € invece di 39,00 € Sconto 15%
Affrettati! Solo 1 disponibile in pronta consegna

 

Libri della stessa categoria

Studi biochimici e fisici sul medicinale omeopatico

Lo trovi anche in: Ricerca Omeopatica

Pagine: 180, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 18,70 € invece di 22,00 € Sconto 15%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Lo trovi anche in: Ricerca Omeopatica

Pagine: 369, Formato: 16x24, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Stichting Alonissos
Prezzo 23,00 €
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Lo trovi anche in: Fitoterapia

Pagine: 366, Formato: 17x24, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Edizioni Enea
Prezzo 35,10 € invece di 39,00 € Sconto 10%
Affrettati! Solo 1 disponibile in pronta consegna

 

Lo trovi anche in: Ricerca Omeopatica

Pagine: 184, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Macro Edizioni
Prezzo 11,80 €
Affrettati! Solo 2 disponibili in pronta consegna