Ampio studio farmaco-epidemiologico conferma efficacia di Omeopatia

Pubblicato il 21/11/2017

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

Ampio studio farmaco-epidemiologico conferma efficacia di Omeopatia

Si tratta del più grande e più importante studio farmaco-epidemiologico mai realizzato nel campo della medicina generale in Francia. L'analisi è stata condotta da un team di ricercatori indipendente che per la durata di 7 anni ha analizzato il decorso clinico di migliaia di pazienti per stabilire se ci fossero delle differenze significative tra le persone che ricorrevano alle cure mediche "tradizionali" rispetto a quelle omeopatiche.

Le conclusioni a cui sono arrivati gli autori sono state che l'efficacia dei due trattamenti è la stessa, ma chi è andato dall'omeopata ha dimezzato antibiotici e antinfiammatori, e ha ridotto di un terzo gli antidolorifici e la benzodiazepine (classe di psicofarmaci come il valium, tavor, etc..).

 

Lo studio EPI3

Il programma di ricerca è denominato EPI3, ed è stato oggetto di 11 pubblicazioni scientifiche "peer review" indicizzate. Ha coinvolto 825 ambulatori di medicina generale e 8.559 pazienti. L'obiettivo principale era valutare il ruolo dell'omeopatia nella medicina generale in Francia, confrontando i pazienti secondo la pratica terapeutica (allopatica, omeopatica o mista) scelta dal loro medico di medicina generale.

Sono stati presi in considerazione i disturbi più comuni, che rappresentano circa il 50% dei motivi per cui ci si rivolge al medico di base: infezioni del tratto respiratorio superiore, dolori muscolo-scheletrici e disturbi del sonno, ansia e depressione.

I pazienti sono stati seguiti per la durata di un anno, in cui sono stati valutati parametri come:

- evoluzione clinica;

- tipologia di medicinali assunti;

- effetti collaterali/indesiderati.

 

I risultati indicano che, per tutte le condizioni cliniche prese in esame, un paziente seguito da un medico che prescrive medicinali omeopatici ha un decorso clinico simile a quello di un paziente seguito da un medico che non lo fa, senza perdita di opportunità terapeutica e con un minor consumo di farmaci che possono provocare effetti indesiderati.

I pazienti in cura da un medico omeopata o da un medico di pratica mista:

- in presenza di infezioni respiratorie (518 pazienti totali) hanno avuto tutti un miglioramento simile a quello degli altri pazienti, ma con una ridotta assunzione di antibiotici (-57%);

- in presenza di dolori muscoloscheletrici (1.153 pazienti), a parità di risultati terapeutici, hanno ridotto il consumo di antinfiammatori (-46%) e di analgesici (-67%);

- in presenza di disturbi del sonno, ansia e depressione (710 pazienti), a fronte di un miglioramento clinico corrispondente, è calato il consumo di benzodiazepine (-71%).

I risultati dello studio confermano quindi il ruolo dei medicinali omeopatici come trattamento di prima intenzione, laddove opportuno, e suggeriscono interessanti prospettive per far fronte all'uso improprio di farmaci riscontrato in molte patologie.

 

Alcune considerazioni

I risultati della ricerca non si limitano però a questi.

Analizzando i dati dello studio è emerso come sia priva di fondamento la teoria secondo la quale l'Omeopatia non avrebbe efficacia terapeutica e che chi si cura con le medicine omeopatiche non userebbe quelle tradizionali "più efficaci".

I medici che hanno partecipato allo studio erano infatti liberi di prescrivere la terapia che ritenevano più adatta in base alle loro conoscenze e alle condizioni cliniche dei pazienti. Con la differenza sostanziale che, a parità di risultati, i pazienti seguiti da un medico con conoscenze in Omeopatia hanno assunto meno farmaci che possono provocare effetti indesiderati.

Questo tipo di approccio viene raccomandato anche dagli stessi produttori di medicinali Omeopatici, come è stato confermato anche da Christian Boiron, degli omonimi Laboratoires Boiron, che hanno proposto e finanziato lo studio.

Da contratto non sono però entrati nel merito della ricerca e si sono impegnati a rendere pubblici i risultati anche se questi fossero stati negativi per l'Omeopatia.

 

La commissione dello studio

Lo studio è stato realizzato tra il 2006 e il 2012 su iniziativa dei Laboratoires Boiron, con il coordinamento della società LASER, diretta dal Prof. Lucien Abenhaïm, ex Direttore Generale del Dipartimento della Salute francese, e la supervisione di un comitato scientifico presieduto dal Prof. Bernard Bégaud, farmacologo.

Secondo Bégaud, "Le popolazioni studiate sono assolutamente paragonabili sul piano sociologico, così come su quello della gravità delle patologie. Cosa se ne deduce? Una soddisfazione identica da entrambe le parti, ma un crollo del consumo di antibiotici e benzodiazepine. Nessun dubbio, l'interesse dell'omeopatia per la salute pubblica è dimostrato".

 

Perché lo studio è stato commissionato alla società LASER?

Una delle principali obiezioni/critiche riguardanti gli studi con il medicinale omeopatico è la qualità metodologica applicata in quanto, spesso e volentieri, i detrattori li definiscono "low quality". La società LASER, con sede a Londra, ha garantito la massima qualità metodologica in questo ambito in quanto, ha una profonda e rinomata expertise internazionale nella conduzione e pianificazione di studi farmaco epidemiologici.

La società LASER ha avuto il pieno controllo e la gestione dello studio in modo indipendente, per la stesura del protocollo, per la raccolta e l'analisi dei dati, la loro discussione e le relative pubblicazioni scientifiche. Il comitato scientifico comprende esperti universitari quali epidemiologi, statistici, farmacologi e sociologi, e include anche due membri della Commissione trasparenza dei dati, Prof Bernard Avouac e il Prof Jacques Massol (co-autori delle pubblicazioni riportate).

Tutte le procedure sperimentali adottate nello studio sono basate sulle raccomandazioni di buona condotta indicate dalla ENCePP (European Network of centres for pharmacoepidemiology and Pharmacovigilance).

 

EPI3 – che cosa non è
I detrattori dicono che lo studio è parziale perché finanziato da Boiron
Se così fosse, solo in Italia sarebbero parziali quasi il 75,6% degli studi clinici. E' questa infatti la percentuale degli studi clinici finanziati dall'industria farmaceutica secondo il Rapporto AIFA 2016 sulla sperimentazione clinica dei medicinali in Italia.
Inoltre, nel contratto con la società LASER, Boiron ha concordato che i risultati dello studio sarebbero stati comunque pubblicati, che fossero positivi o negativi.

I detrattori dicono che si tratterebbe di sondaggi telefonici
Non lo sono, anche se qualcuno vorrebbe farli passare come tali. Durante il follow up, i pazienti venivano contattati telefonicamente dagli operatori della LASER, la società che ha coordinato la ricerca, per comprendere l'andamento della patologia, della sintomatologia manifestata e del consumo di farmaci. Non parliamo di sondaggi, ma di questionari validati a livello internazionale, che vengono usati negli studi clinici, sia che si tratti di omeopatia che di allopatia.
Gli studi farmaco-epidemiologici sono studi clinici osservazionali, non interventistici. Per questa tipologia di studi, le interviste telefoniche e i questionari sono procedure validate. Le linee guida dell'EMA (European Medicines Agency) presenti nell'Annex 1 ‘The Guide on Methodological Standards in Pharmacoepidemiology', le indicano espressamente e raccomandano:
The terms of the marketing authorisation may serve as a reference point for this consideration. ENCePP has also elaborated the following set of principles based on the current applicable legal framework and on current scientific and medical evidence that could serve as a guidance, in addition to the previously cited explanation given in Eudralex Volume 9A, providing examples of additional interventions, such as ‘interviews, questionnaires and blood samples' that ‘may be considered as normal clinical practice'".

I detrattori dicono che EPI3 sarebbe stato pubblicato solo su riviste scientificamente non valide
Lo studio EPI3 è stato oggetto nell'arco di 6 anni di 11 pubblicazioni scientifiche peer review indicizzate, sia di medicina complementare (3 pubblicazioni) che non (8 pubblicazioni). Qui di seguito trovate la lista delle 11 pubblicazioni scientifiche inerenti il progetto EPI 3.

I detrattori dicono che lo studio EPI3 prende in esame solo raffreddori e malattie che passano da sole
Lo studio EPI3 prende in considerazioni anche patologie quali, ad esempio, l'osteoartrite, la bronchiolite, la bronchite, la rinofaringite e la spondilite anchilosante, la depressione, l'ansia e l'insonnia.

 

Riferimenti bibliografici Studio EPI3 (clicca su ogni riferimento per leggere l'articolo intero):
1 ROSSIGNOL M.; BEGAUD B.; AVOUAC B.; LERT F.; ROUILLON F.; BENICHOU J.; MASSOL J.; DURU G.; MAGNIER A.M.; GUILLEMOT D.; GRIMALDI-BENSOUDA L.; ABENHAIM L. Who seeks primary care for musculoskeletal disorders (MSDs) with physicians prescribing homeopathy and other complementary medicine ? Results form the EPI3-LASER survey in France. BMC Musculoskeletal Disorders, 2011, 12:21 doi:10.1186/1471-2474-12-21 ; 1-6."

2 ROSSIGNOL M.; BEGAUD B.; AVOUAC B.; LERT F.; ROUILLON F.; BENICHOU J.; MASSOL J.; DURU G.; MAGNIER A.M.; GUILLEMOT D.; GRIMALDI-BENSOUDA L.; ABENHAIM L. Benchmarking clinical management of spinal and non-spinal disorders using quality of life. Results from the EPI3-LASER survey in primary care. European Spine Journal, 2011, doi:10.1007/s00586-011-1780-z ; 1-7.

3 GRIMALDI-BENSOUDA L.; BEGAUD B.; LERT F.; ROUILLON F.; MASSOL J.; GUILLEMOT D.; AVOUAC B.; DURU G.; MAGNIER A.M.; ROSSIGNOL M.; ABENHAIM L.; EPI3-LA-SER group. Benchmarking the burden of 100 diseases. Results of a nationwide representative survey within general practices. BMJ Open, 2011, 1:e000215. doi:10.1136/bmjopen-2011-0002 ; 1-11.

4 GRIMALDI-BENSOUDA L. ; ENGEL P.; MASSOL J.; GUILLEMOT D.; AVOUAC B.; DURU G.; LERT F.; MAGNIER A.M.; ROSSIGNOL M.; ROUILLON F.; ABENHAIM L.; BEGAUD B.; EPI3-LA-SER group. Who seeks primary care for sleep, anxiety and depressive disorders from physicians prescribing homeopathic and other complementary medicine? Results from the EPI3 population survey. BMJ Open, 2012, 2(6): e001498. doi: 10.1136/bmjopen-2012-001498. ; 1-10."

5 LERT F.; GRIMALDI-BENSOUDA L.; ROUILLON F.; MASSOL J.; GUILLEMOT D; AVOUAC B.; DURU G.; MAGNIER A.M.; ROSSIGNOL M.; ABENHAIM L.; BEGAUD B.; EPI3-LA-SER Group. Characteristics of patients consulting their regular primary care physician according to their prescribing preferences for homeopathy and complementary medicine. Homeopathy, 2014, 103(1) ; 51-57.

6 ROSSIGNOL M.; BEGAUD B.; ENGEL P.; AVOUAC B.; LERT F.; ROUILLON F.; BENICHOU J.; MASSOL J.; DURU G.; MAGNIER A.M.; GUILLEMOT D.; GRIMALDI-BENSOUDA L.; ABENHAIM L.; EPI3-LA-SER group. Impact of physician preferences for homeopathic or conventional medicines on patients with musculoskeletal disorders. Results from the EPI3-MSD cohort. Pharmacoepidemiology and Drug Safety, 2012, 21(10) : 1093-1101. doi:10.1002/pds. 3316 ; 1-9.

7 GRIMALDI-BENSOUDA L.;ABENHAIM L.; MASSOL J.; GUILLEMOT D.; AVOUAC B.; DURU G.; LERT F.;MAGNIER A.M.; ROSSIGNOL M.; ROUILLON F.; BEGAUD B.; EPI3-LA-SER Group. Utilization of psychotropic drugs by patients consulting for sleeping disorders in homeopathic and conventional primary care settings: the EPI3 cohort study. Homeopathy. 2015 Jul;104(3):170-5.

8 GRIMALDI-BENSOUDA L.; BEGAUD B.; ROSSIGNOL M.; AVOUAC B.; LERT F.; ROUILLON F.; BENICHOU J.; MASSOL J.; DURU G.; MAGNIER A.M.; ABENHAIM L.; GUILLEMOT D Management of upper respiratory tract infections by different medical practices, including homeopathy, and consumption of antibiotics in primary care: the EPI3 cohort study in France 2007-2008. PLoS ONE, 2014, 9(3) doi: 10.1371/journal.pone.0089990. eCollection 2014 ; 6 p."

9 "DANNO K.; JOUBERT C.; DURU G.; VETEL J.M. Physician practicing preference for conventional or homeopathic medicines in elderly subjects with musculoskeletal disorders in the EPI3-MSD cohort. Clinical Epidemiology, 2014, 6 ; 333-341.

10 COLAS A.; DANNO K.; TABAR C.; EHRETH J.; DURU G. Economic impact of homeopathic practice in general medicine in France. Health Econ Rev. 2015 Dec;5(1):55. doi:10.1186/s13561-015-0055-5.

11 « GRIMALDI-BENSOUDA L, ABENHAIM L, MASSOL J, GUILLEMOT D, AVOUAC B, DURU G, LERT F, MAGNIER AM, ROSSIGNOL M, ROUILLON F, BEGAUD B; EPI3-LA-SER group. Homeopathic medical practice for anxiety and depression in primary care: the EPI3 cohort study. BMC Complement Altern Med. 2016 May 4;16(1):125. doi:10.1186/s12906-016-1104-2.

Altri articoli dello stesso autore

16-17-18 Marzo 2018: Omeopatia tra scienza e pratica clinica (Torino)

Lo trovi in: Eventi di Omeopatia

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

La Federazione Italiana Associazioni e Medici Omeopatici (FIAMO) organizza il XVI Congresso Nazionale che si terrà a Torino nei giorni 16-17-18 Marzo 2018 dal titolo "Omeopatia tra scienza e pratica clinica". Il congresso si …

Boiron: L'Omeopatia è efficace e crescerà da sola

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

Le cure omeopatiche sono efficaci quanto quelle convenzionali. È quanto suggeriscono i risultati di EPI3, il più importante studio farmaco-epidemiologico mai realizzato nel campo della medicina generale in Francia, le cui c…

Corso di Omeopatia per Farmacisti base e avanzato (Treviso)

Lo trovi in: Eventi di Omeopatia

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

Sono aperte le iscrizioni per il corso di Omeopatia (base e avanzato) rivolto ai Farmacisti per l'anno 2018. Il corso è organizzato dalla LUIMO (Associazione per la Libera Università Internazionale di Medicina Omeopatica) e s…

Omeopatia, omeoimprese: "Decreto tariffe da rivedere con la legge di bilancio. Il ministro Lorenzin non affossi il settore"

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

Con la consegna dei dossier di registrazione all'Agenzia Italiana del Farmaco, gli omeopatici sono diventati farmaci. Questo non significa però che il medicinale omeopatico debba essere considerato alla stessa stregua …

E' ufficiale: l'Omeopatia entra nel prontuario farmaceutico

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

L'Omeopatia entra ufficialmente nel prontuario farmaceutico. Stanno infatti arrivando dall'AIFA le prime autorizzazioni come farmaci per i 'rimedi omeopatici', che fino ad oggi non hanno avuto lo status di medicinali. Sono oltre…

18 ottobre 2017: dibattito pubblico su Omeopatia e obesità (Napoli)

Lo trovi in: Eventi di Omeopatia

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

Si parlerà di "Omeopatia e obesità" mercoledì 18 ottobre, dalle ore 16, all'Istituto di Cultura Meridionale di Napoli. Ad organizzare l'incontro è l'Associazione dei Pazienti Omeopatici - A.P.O. Italia con il contributo di Ome…

2-3 dicembre 2017: funghi in Medicina Omeopatica (Bologna)

Lo trovi in: Eventi di Omeopatia

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

"Dalla letteratura classica alle acquisizioni recentissime di alcuni rimedi presentati in anteprima internazionale" Quando: 2-3 dicembre 2017Dove: Eco Hotel Continental - Zola Predosa - Bologna In questo incontro tenuto…

Luca non è stato ucciso dall'omeopatia: assolti i genitori

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

Sono stati assolti dal Tribunale di Lecce perché "il fatto non sussiste" i genitori di Luca, il piccolo morto a 4 anni il 20 ottobre 2011 a Tricase, in provincia di Lecce. La causa ultima della morte fu una broncopolmonite …

Farmaci e visite omeopatiche: ecco come detrarre le spese

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

Anche le visite ed i farmaci omeopatici possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi. Il decreto legislativo 219 del 2006 considera i farmaci omeopatici come medicinali a tutti gli effetti e pertanto è possibile …

Omeopatia: la situazione inglese e quella italiana

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

Nei mesi scorsi è circolata su molti media italiani una notizia non corrispondente alla realtà, ovvero che l'Inghilterra ha eliminato dal servizio sanitario nazionale i rimedi omeopatici perché ritenuti inefficaci. In realtà, il …

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione