È chimica: svelato il meccanismo dei farmaci omeopatici

Pubblicato il 17/05/2019

Categorie: Attualità

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

È chimica: svelato il meccanismo dei farmaci omeopatici

Così come quello dei farmaci comuni, anche il meccanismo dei farmaci omeopatici si basa su interazioni chimiche. A provarlo sono ora due esperti internazionali: Jayesh Bellare professore di ingegneria chimica dell'Indian Institute of Technology di Bombay, che ha dimostrato con i suoi studi l'efficacia delle diluizioni omeopatiche, ed Edward Calabrese tossicologo dell'University of Massachusetts ad Amherst, massimo esperto mondiale di ormesi, fenomeno da lui ritenuto alla base del meccanismo d'azione dei medicinali omeopatici.

"Gli studi di Jayesh Bellare - ha commentato Simonetta Bernardini, Presidente Siomi - hanno dimostrato in maniera incontrovertibile, attraverso il microscopio elettronico a trasmissione, la presenza di un rilevante numero di molecole di principio attivo in tutte le diluizioni omeopatiche dalla 6ch alla 200ch. Tali molecole che si mantengono in numero pressoché costante in tutte le successive diluizioni, vengono stabilizzate dai metasilicati provenienti dal vetro utilizzato per preparare le diluzioni stesse.

Questi aggregati costituiscono una riserva chimica di molecole, le quali poi possono interagire con i substrati biologici e dare effetto all'attività del medicinale omeopatico. Certo sono piccole dosi (nanomoli), ma sufficienti a dare una risposta terapeutica secondo i principi della farmacologia delle microdosi, una parte della farmacologia ortodossa sempre più in sviluppo negli ultimi anni".

"Finalmente è arrivata la svolta - ha dichiarato Bernardini - quello che non si è saputo spiegare per tutti questi anni e che ha esposto l'Omeopatia a una condanna della scienza, che l'ha classificata come un sistema di cura non plausibile poiché priva di molecole, oggi è stato sfatato".

I risultati osservati cui è giunto Bellare sono spiegabili con il meccanismo dell'ormesi (stimolazione a basse dosi e i cui principi furono annunciati già nel 2006 dal Prof. Andrea Dei dell'Università di Firenze), ha chiarito il professor Edward Calabrese. Si tratta, in pratica, di un rovesciamento di azione tra una dose (grande) tossica e una dose (piccola) che ha invece un effetto terapeutico. Come l'Omeopatia, la quale si basa sulla somministrazione di dosi infinitesimali di sostanze, che ad alte dosi hanno un'azione tossica sull'organismo (principio della similitudine omeopatica).

Altri articoli dello stesso autore

Così l'Omeopatia accompagna la vita delle donne

Lo trovi in: Attualità

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

Praticare la medicina convenzionale integrandola con altre terapie come l'Omeopatia significa avere un'arma in più per poter offrire alle persone le terapie migliori, senza effetti collaterali. Sono tante, infatti, le donne - …

Menopausa: uno studio conferma l'efficacia dell'Omeopatia

Lo trovi in: Attualità

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

L'Omeopatia è utile nel trattamento dei disturbi legati alla menopausa. A confermarlo è una ricerca italiana condotta presso la Clinica Omeopatica della Cittadella della Salute di Lucca e coordinata dalla Dottoressa M…

12-13 ottobre e 23-24 novembre: Le droghe in Omeopatia (Milano)

Lo trovi in: Eventi di Omeopatia

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

Il Centro Studi "La Ruota" di Milano organizza nei week-end del 12-13 ottobre e 23-24 novembre due seminari di Metodologia Clinica Omeopatica dal titolo: "Le droghe in Omeopatia: il limite e la difficoltà dell'incarnazione". In …

L'Omeopatia ha il patrocinio del Principe Carlo

Lo trovi in: Attualità

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

Il principe Carlo ha deciso di patrocinare la Foh (Faculty of Homeopathy), organizzazione professionale britannica che regola e promuove l'omeopatia. "È un enorme onore per noi ricevere il Patrocinio di Sua Altezza Reale Il …

Ormesi: uno studio spiega la modalità d'azione dell'Omeopatia

Lo trovi in: Ricerca Omeopatica

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

Dopo aver dimostrato come alcune nanoparticelle (NP) dei metalli di partenza si trovino inequivocabilmente in tutte le diluizioni omeopatiche, i ricercatori Jayesh R. Bellare, Prashant S Chikramane et al. dell'Indian Institute of…

Omeopatia e cancro della mammella. In Toscana l'oncologia è sempre più integrata

Lo trovi in: Attualità

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

La Toscana si conferma all'avanguardia sul fronte della medicina integrata. Con il Decreto n. 3823 del 19.03.2019 ha infatti approvato il Percorso diagnostico terapeutico e assistenziale (PDTA) del tumore della mammella che…

14 e 21 maggio 2019: I martedì dell'Omeopatia (Torino)

Lo trovi in: Eventi di Omeopatia

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

Il Dr. Paolo Greco e i Medici della Scuola Italiana per lo Studio e la Divulgazione dell’Omeopatia Hahnemanniana (S.I.S.D.O.H.) organizzano due incontri nelle giornate di martedì 14 maggio e martedì 21 maggio, alle ore 20.45. 14 …

5 ottobre 2019: Presentazione Corso triennale di Medicina Omeopatica Hahnemanniana (Torino)

Lo trovi in: Eventi di Omeopatia

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

La Scuola Italiana per lo Studio e la Divulgazione dell’Omeopatia Hahnemanniana (S.I.S.D.O.H.) organizza per i Medici e gli Studenti del 5° anno di Università un Corso triennale di Medicina Omeopatica Hahnemanniana (Anno Acc…

Il 17% degli italiani si cura con l'Omeopatia

Lo trovi in: Attualità

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

Oltre l'80% degli italiani conosce la Medicina Omeopatica e a farne uso è il 17% della popolazione. Ciò significa che quasi 9 milioni di italiani utilizza farmaci omeopatici e lo fa almeno una volta all'anno. Con la diffusione d…

8 giugno 2019: Metodologia Clinica Omeopatica (Roma)

Lo trovi in: Eventi di Omeopatia

Autori: Redazione di LibriOmeopatia.it

Si terrà a Roma sabato 8 giugno 2019 dalle ore 9.30 alle 19.00 il Seminario Internazionale di Medicina Omeopatica dal titolo "Metodologia Clinica Omeopatica". Relatore: Dr. Renzo Galassi. Il seminario fornisce 9 crediti ECM ed è r…

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione