Quali sono i criteri per scegliere la giusta potenza omeopatica?

Pubblicato il 14/11/2019

Categorie: Metodologia Omeopatica

Autori: Douglas Borland

Quali sono i criteri per scegliere la giusta potenza omeopatica?

Le domande che nascono quando si approccia per la prima volta una Medicina come l'Omeopatia sono molteplici, così come gli scogli e le difficoltà che naturalmente si incontrano. L'atteggiamento migliore è considerare ogni singola criticità che ci viene posta davanti come una sfida per affinare il modo in cui usiamo l'Omeopatia, senza dimenticare che abbiamo dei validi aiuti, ovvero gli insegnamenti dei Medici Omeopati che, prima di noi, hanno sperimentato questa tecnica terapeutica e ci hanno lasciato una traccia utile per la creazione di una metodologia omeopatica solida ed efficace.

Una delle prime difficoltà che si incontrano nell'usare l'Omeopatia è decidere quale sia la potenza migliore del rimedio da somministrare. Vediamo dunque come risponde a questo quesito il Dr. Douglas Borland nel suo libro "Omeopatia nella Teoria e nella Pratica".

La prima e più importante regola è la gravità della condizione patologica da cui il Paziente è affetto nei casi più cronici. Quando c'è un pericolo che può derivare da un qualsiasi processo reattivo scatenato dal rimedio, è consigliabile cominciare il trattamento con una delle potenze più basse tra le medie, cioè la 12 o la 30ch.

Un secondo esempio in cui la somministrazione delle più alte potenze è sconsigliabile, sebbene forse non pericolosa, è quello in cui si sta trattando un Paziente molto sensibile, altamente sollecitabile e al limite dell'equilibrio. In un simile caso, la somministrazione di un'alta potenza produce una reazione molto marcata che non è necessariamente dolorosa, ma dalla quale il Paziente può impiegare settimane o mesi a riprendersi. Se in un caso simile si inizia con una potenza medio-bassa (nella mia esperienza una 30ch è perfettamente sicura) si evitano queste reazioni non necessarie e molto indesiderabili e si attiva subito il processo di guarigione.

Una condizione opposta a questa è quella in cui si sta trattando un Paziente letargico, flemmatico, con un tempo di reazione lungo, poiché in questi casi si trova che le basse potenze producono uno scarso o nessun effetto e che soltanto le potenze più alte producono una soddisfacente reazione curativa.

Ma c'è un'altra regola riguardo alla potenza più efficace da somministrare: è l'acuzie della patologia di cui il Paziente soffre. In questo caso, può essere considerata una norma efficace della pratica clinica quella che quanto più acuta è la patologia, tanto più alta dovrebbe essere la potenza che viene somministrata. Per esperienza, posso dire che tale norma è di applicazione universale e avviso che questa mia opinione non è basata sulla teoria, ma su una reale e personale esperienza pratica.

Prodotti Consigliati

Lo trovi anche in: Filosofia Omeopatica

Pagine: 48, Formato: 15x21, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 7,90 €
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 
Come scegliere la potenza del rimedio omeopatico

Lo trovi anche in: Filosofia Omeopatica

Pagine: 96, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 12,90 €
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Altri articoli dello stesso autore

Tre rimedi omeopatici per il trattamento dell'otite acuta

Lo trovi in: Repertorizzazione

Autori: Douglas Borland

Nel seguente articolo, tratto dal suo libro "Il Trattamento Omeopatico di alcune Emergenze Mediche e Patologie Cardiache", il Dr. Douglas Borland descrive le caratteristiche dei Rimedi Omeopatici utili per il trattamento…

Dieci rimedi omeopatici per guarire le ragadi al seno

Lo trovi in: Repertorizzazione

Autori: Douglas Borland

Tutti sappiamo che allattare al seno è una pratica importantissima, sia per la madre che il neonato. Non tutti però sono consapevoli che alcuni comportamenti scorretti possono però far nascere dei piccoli disturbi, come le ra…

Sette rimedi omeopatici per la cura dell'intolleranza al latte nel bambino

Lo trovi in: Omeopatia per Bambini Repertorizzazione

Autori: Douglas Borland

Come si manifesta l'intolleranza al latte nel bambino ancora piccolo? L'Omeopatia può fare qualcosa a riguardo? Si, tanto che il Dr. Borland nel suo libro "Omeopatia per la Madre e il Neonato" (di cui vi proponiamo un estratto) …

I rimedi omeopatici per l'insonnia in gravidanza

Lo trovi in: Repertorizzazione

Autori: Douglas Borland

L'importanza della prevenzione in ambito medico-diagnostico è uno dei principi cardine per poter evitare l'instaurarsi di future possibili malattie. Il Dr. Douglas Borland, Omeopata inglese del secolo scorso, aveva ben chiaro …

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione