Modalità di assunzione di rimedi omeopatici nelle patologie acute

Pubblicato il 02/09/2015

Categorie: Metodologia Omeopatica

Autori: Lucia Gasparini

Modalità di assunzione di rimedi omeopatici nelle patologie acute

Le note che seguono riguardano essenzialmente un trattamento omeopatico unicista e cioè un trattamento prescritto da un medico omeopata che utilizza un solo rimedio per volta.

Salvo diverse indicazioni da parte del proprio omeopata, che è l'unico che conosce bene il paziente e quindi si può esprimere adeguatamente personalizzando meglio la terapia, durante una patologia acuta insorta durante un trattamento omeopatico unicista è consigliabile seguire queste indicazioni generali:

1) Sospendere il trattamento omeopatico di base.

2) È possibile assumere il rimedio indicato anche durante il ciclo mestruale.

3) Prima di scegliere il rimedio, ricordare di osservarsi o di osservare il congiunto ammalato, di annotare i sintomi e di tenere conto che la febbre "non deve essere abbassata con un antipiretico", bensì è necessario cercare di capire se viene sostenuta da una determinata patologia, ad esempio una tonsillite, un ascesso dentale, una cistite, una diarrea o un'infezione dell'apparato respiratorio od osteoarticolare.

4) In caso di auto prescrizione, è consigliabile utilizzare dinamizzazioni basse (5ch e 6ch, in alcuni casi 30ch o 6LM). Le dinamizzazioni più elevate sono poco maneggevoli e richiedono competenza medica nella loro prescrizione.

5) L'assunzione di granuli può essere effettuata secondo le seguenti modalità:

  • i granuli non vanno toccati con le mani;
  • devono essere versati nel tappo del tubetto e poi direttamente in bocca;
  • i granuli vanno fatti sciogliere sotto la lingua;
  • si assumono 2-3 granuli del rimedio 5ch o 6ch ogni 1, 2 o 3 ore, a seconda della patologia;
  • in caso di febbri, dolori intensi o disturbi che richiedano il riposo domiciliare, è consigliabile sciogliere 8-10 granuli della 5ch o 6ch in un bicchiere da 200 ml di acqua bollita o minerale non gassata, attendere che si sciolgano, quindi travasare tra due bicchieri per 10 volte (è un modo per attivare il rimedio). La soluzione va travasata 2-3 volte prima di ogni assunzione. Questo procedimento consente di incrementare ogni volta la potenza del rimedio, ovvero di renderlo più forte e leggermente diverso dalla volta precedente. La soluzione resta attiva per 24 ore e va conservata coperta e al riparo da luce, calore e odori. Trascorso tale periodo, deve essere preparata nuovamente;
  • la soluzione sorseggiata deve essere tenuta in bocca per qualche secondo e almeno 15 minuti prima o dopo l'assunzione di cibi o bevande;
  • i granuli alla 30ch vanno assunti preferibilmente in acqua, in quanto la 30ch viene utilizzata per lo studio delle patogenesi sperimentali e quindi, somministrata troppo frequentemente alla stessa potenza, può provocare una patogenesi. Si sciolgono 5 granuli in un bicchiere d'acqua, si procede come per la 5ch o 6ch e si assume un sorso ogni 4-5 ore;
  • in alternativa ai granuli, è possibile utilizzare i rimedi in forma liquida. In questi casi il flacone deve essere agitato battendolo ritmicamente e verticalmente per 10 volte. Quindi si versano 5 gocce direttamente in bocca o in 1-2 dita d'acqua. Prima di ogni assunzione agitare nuovamente il flacone 10 volte;
  • l'assunzione del rimedio va diradata appena i sintomi migliorano e non va sospesa bruscamente.

6) In caso di miglioramento seguito da aggravamento, è possibile che ci sia stato un sovradosaggio, per cui è necessario sospendere la somministrazione del rimedio.

7) In caso di miglioramento seguito da comparsa di altri sintomi, diversi da quelli iniziali, è possibile che sia necessario un rimedio diverso e corrispondente ai nuovi sintomi.

8) Ogni rimedio deve essere assunto singolarmente e non deve essere alternato o mescolato con altri rimedi.

Prodotto Consigliato

Metodologia - Scienze biomediche - Posizione dell'Omeopatia in ambito scientifico

Lo trovi anche in: Clinica Omeopatica

Pagine: 832, Formato: 17x24, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 44,94 € invece di 74,90 € Sconto 40%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Altri articoli dello stesso autore

Psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI) e Omeopatia

Lo trovi in: Metodologia Omeopatica

Autori: Lucia Gasparini

Le conoscenze fornite dalla psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI) sottolineano i molteplici legami tra il sistema nervoso centrale, che riconosce e ricorda le esperienze, il sistema endocrino, che produce ormoni che regolano molte…

Neuroscienze e omeopatia

Lo trovi in: Metodologia Omeopatica

Autori: Lucia Gasparini

Un primo elemento che emerge dagli studi di neuroscienze riguarda l'elevato grado di complessità del cervello umano. Questa complessità è il risultato di influenze genetiche ed epigenetiche che provengono dall'embrione e da…

Acquaporine: bersaglio biomolecolare del rimedio omeopatico?

Lo trovi in: Ricerca Omeopatica

Autori: Lucia Gasparini

Le acquaporine (AQP) sono una famiglia di proteine di membrana che funziona come canali specifici per l'acqua e altre piccole molecole non ioniche. Il blocco del passaggio di ioni è finalizzato ad impedire la dissipazione del …

Sinergetica e Omeopatia

Lo trovi in: Metodologia Omeopatica

Autori: Lucia Gasparini

La sinergetica è la disciplina che studia il comportamento dei sistemi complessi e che ha come compito quello di scoprire le leggi universali che stanno a fondamento dell'auto-organizzazione di strutture complesse e di sistemi …

Cronobiologia e Omeopatia

Lo trovi in: Metodologia Omeopatica

Autori: Lucia Gasparini

I ritmi biologici sono endogeni, in quanto geneticamente determinati, ma sono modulati e modificati dagli eventi periodici ambientali. Nell'uomo, i principali sincronizzatori circadiani sono l'alternanza di luce-buio e…

Posizione dell'Omeopatia in ambito scientifico

Lo trovi in: Metodologia Omeopatica

Autori: Lucia Gasparini

La possibilità di valutare la posizione della Medicina Omeopatica in ambito scientifico richiede, come premessa indispensabile, l'esame degli strumenti concettuali e metodologici che la Scienza, in generale, e la Medicina, in …

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione