Cos'è Medorrhinum?

Pubblicato il 08/03/2013

Categorie: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

Cos'è Medorrhinum?

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA
- Natura: nosode
- Composizione: è un materiale organico; è ottenuto prelevando del secreto blenorragico in malati non ancora sottoposti a trattamento; l’esame citologico rivela numerosi polinucleati e cellule epiteliali; l’esame dopo Gram evidenzia la presenza di Neisseria gonorrheae e di cellule epiteliali

PREPARAZIONE: La preparazione omeopatica di Medorrhinum si ottiene secondo il seguente procedimento: i prelievi del secreto uretrale (dopo aver evidenziato la presenza di diplococchi Gram negativi intra- ed extra-cellulari, di numerosi polinucleati e di cellule epiteliali), vengono diluiti in una quantità di acqua distillata pari a 100 volte il loro volume; la diluizione iniziale di 1/100 viene congelata a -20°C, quindi scongelata a temperatura ambiente per quattro volte consecutive; il lisato, precedentemente ottenuto, viene sterilizzato tramite filtraggio su filtri EKS, quindi suddiviso in frazioni di 10 ml in flaconi sterili; le frazioni da 10 ml della diluizione iniziale vengono liofilizzate in modo da poter essere conservate senza alterazioni; ogni flacone contiene una quantità di prodotto liofilizzato pari a 0,10 ml di sierosità. Questo lisato è caratterizzato dalla sua tecnica di preparazione e dai suoi test di verifica; al contenuto di ogni flacone vengono aggiunti 100 ml di acqua distillata sterile, in modo da portare la concentrazione del prodotto finale a 0,001 per millilitro di secrezione uretrale; la diluizione finale viene filtrata su filtro EKS, quindi ripartita asetticamente in fiale da 1 cm3.

AZIONE GENERALE SPERIMENTALE E TERAPEUTICA
- Sistema nervoso: nevralgie, difficoltà di concentrazione e deficit mnemonici.
- Apparato osteoarticolare: manifestazioni reumatiche.
- Apparato urogenitale: uretriti e condilomi nell’uomo; sterilità, salpingiti, annessiti, bartoliniti, ulcerazioni del collo uterino e leucorrea nella donna.
- Apparato respiratorio: fenomeni catarrali.
- Cute: eruzioni di vario tipo, condilomi e verruche.
- Sangue: anemia.

INDICAZIONI GENERALI
E’ indicato: nei casi cronici con o senza antecedenti blenorragici; nei bambini; nei soggetti affetti da ritenzione idrica, edemi, sclerosi tessutale, neoformazioni, verruche, condilomi, manifestazioni reumatiche, secrezioni brucianti, infezioni croniche dell’apparato urogenitale e processi catarrali cronici dell’apparato respiratorio, piuttosto frettolosi, irrequieti, ansiosi e con deficit mnemonici.

QUADRO CLINICO
- Neonato
In genere è piccolo, gracile e cresce molto lentamente. Spesso presenta eruzioni perianali e tende a dormire in posizione genu-petturale.

- Bambino
In genere è pallido e anemico. Può presentare un netto ritardo nello sviluppo psico-fisico, segni di rachitismo, ipoevolutismo staturale e ponderale o decadimento delle condizioni generali. E’ piuttosto caloroso ma molto sensibile al freddo, suda facilmente e il corpo emana cattivo odore. Va soggetto a: rinofaringiti, bronchiti, asma, blefarocongiuntiviti croniche e diarrea. La tosse e l’asma migliorano in posizione prona e lo stato generale migliora al mare. Gli impulsi sessuali sono precoci e piuttosto intensi. Il rendimento scolastico spesso è compromesso per problemi di condotta e di profitto. Non riesce a stare fermo a lungo, ha poca memoria e difficoltà di concentrazione; fa molti errori di ortografia, la grafia è poco chiara, non si esprime in modo adeguato per l’età e può presentare disturbi del linguaggio.
Generalmente è molto irrequieto e iperattivo, ma anche piuttosto instabile. A volte è buono, gradevole, socievole e piuttosto docile, a volte è ribelle, cattivo e molto aggressivo. Spesso di sera è eccitato, ha voglia di giocare e non vuole mai andare a letto; di notte ha paura del buio e si sveglia spaventato.

- Adulto
La cute è di aspetto oleoso e il colorito è pallido o terreo. Non tollera il caldo e il calore del letto, avverte la necessità di scoprirsi, ma prende freddo e si raffredda con facilità. In genere migliora al mare, con i bagni di mare e con il clima umido. A volte è molto sensibile all’umidità e si aggrava con il freddo umido.
Va soggetto a: affezioni reumatiche, cefalea, nevralgie, processi infiammatori cronici dell’apparato respiratorio e urogenitale, manifestazioni allergiche, cisti, verruche, condilomi e neoformazioni. Nell’anamnesi personale o familiare è di frequente riscontro un’infezione blenorragica. Dal punto di vista mentale si possono sottolineare: le intense o precoci pulsioni istintuali, la coartazione affettiva, i deficit mnemonici e prestazionali, la frettolosità, l’irrequietezza, l’ansia di anticipazione, le fobie e i presentimenti di morte e di eventi sgradevoli.
I deficit mnemonici e prestazionali sono caratterizzati da: amnesie per i nomi e per i concetti astratti, difficoltà di concentrazione, disturbi del linguaggio con impoverimento del patrimonio lessicale, parafasie semantiche o fonetiche, grafia spesso incomprensibile, errori di ortografia, disorientamento temporale, confusione mentale e rallentamento del pensiero.

CARATTERISTICHE CLINICHE ESSENZIALI
- Ansia di anticipazione.
- Frettolosità e irrequietezza.
- Deficit mnemonici.
- Difficoltà di concentrazione.
- Presentimenti di morte e di eventi spiacevoli.
- Secrezioni di cattivo odore.
- Netto miglioramento al mare.

PRINCIPALI INDICAZIONI CLINICHE
1 - Patologie croniche di origine sicotica profondamente radicate, specie dopo una gonorrea mal trattata o soppressa, quando i rimedi, anche se ben scelti, non riescono a migliorare la situazione clinica in modo permanente.
2 - Il paziente piange sempre: non riesce a parlare senza piangere, ha sempre la premonizione di ciò che avverrà, anche della morte; ha la memoria labile, è psichicamente sensibile, irritabile, impaziente.
3 - È molto irrequieto, muove continuamente le gambe e i piedi (Zinc.); si sente tutto un tremito.
4 - Bruciore delle mani e dei piedi: vuole che siano scoperti e ventilati (Lach., Sulph.).
5 - Disturbi reumatici ed artritici di origine sicotica: gonfiori e rigidità dolorosa delle articolazioni, soprattutto delle articolazioni interfalangee, dolori costrittivi, indolenzimento generalizzato.
6 - Desideri insaziabili: di liquori, sale, dolci, frutta, ecc.; stitichezza abituale.
7 - Enuresi notturna: ogni notte vengono emesse a letto enormi quantità di urine di odore ammoniacale e di colore intenso.
8 - Patologie pelviche femminili, soprattutto con sintomi che tendono alla malignità, di origine sicotica o no; menorragia e metrorragia, flusso abbondante, scuro, ricco di coaguli.
9 - Stato di collasso: desidera essere ventilato, la pelle e il sudore sono freddi nonostante getti via le coperte, desidera l’aria fresca.
10 - Modalità:
a ) peggiora dall’alba al tramonto (contrario di Syph.); dal calore; coprendosi; dal temporale; dal movimento,
b) migliora sulla riva del mare (l’opposto di Nat-m.); stando steso sullo stomaco, specialmente in corso di patologie respiratorie.

TESSUTI PIU' COMUNI: Mente. Nervi. Mucose. Linfatico. Tessuto cellulare [polmoni; pelvi; articolazioni]. Spina dorsale. Reni. Ovaia sinistra.

EZIOLOGIA: Gonorrea soppressa; eredità blenorragica.

SINTOMI MENTALI PIU' COMUNI
Gli aspetti più caratteristici della sua personalità sono: le intense e precoci pulsioni istintuali, la coartazione affettiva, i deficit mnemonici e prestazionali, la frettolosità, l’aumento dell’attività motoria, l’ansia di anticipazione, le fobie e i presentimenti di morte o di eventi sgradevoli. Le forti pulsioni istintuali, i deficit mnemonici e prestazionali e l’incapacità di instaurare relazioni oggettuali stabili o di dedicarsi in modo autentico a qualcosa che trascenda i propri interessi, comportano instabilità, mancanza di moderazione e un alterato sviluppo della personalità.
I deficit mnemonici, che riguardano essenzialmente dati e concetti astratti, e la compromissione delle capacità intellettive, caratterizzata da difficoltà di concentrazione, confusione mentale e rallentamento del pensiero, comportano difficoltà di espressione verbale, necessità di annotare qualsiasi cosa e notevoli limiti nelle attività che richiedano applicazione mentale.
I deficit prestazionali sono particolarmente accentuati al mattino, si associano a cattivo umore, irritabilità e dubbi sulla possibilità di realizzare quanto programmato; implicano instabilità nel rendimento, ansia di anticipazione, accelerazione dei tempi di esecuzione nei momenti di lucidità, meticolosità per difficoltà di sintesi e tendenza a rimandare gli impegni o a evitare di assumersi responsabilità. L’inevitabile conseguente sensazione di frustrazione ferisce il suo innato egocentrismo, comporta caduta dell’autostima, abbassamento del tono dell’umore e a volte disturbi della coscienza dell’io. Questi sono caratterizzati prevalentemente da sensazioni di estraneità dell’ambiente e sono interpretabili come un tentativo di soluzione del conflitto narcisistico che si origina tra identificazione e immagine del Sé.
L’iperestesia e la coartazione affettiva comportano uno stato di allarme permanente, sensazioni di ostilità e mancanza di sintonia con l’ambiente. Queste caratteristiche rivelano una personalità di tipo schizoide, gli impediscono di modulare il proprio comportamento, in armonia
al variare delle situazioni, possono associarsi a sensazione di estraneità dell’ambiente, presentimenti di morte e di eventi sgradevoli, fenomeni allucinatori e tematiche deliranti, prevalentemente di tipo persecutorio, tali da configurare un quadro clinico di schizofrenia paranoide.



MODALITA'
- Peggioramento: Umidità, freddo. Di giorno: dall’alba al tramonto; alle ore 3.00-4.00. Dopo la minzione. Contatto, anche leggero. Stanza chiusa. Prima del temporale.
- Miglioramento: SDRAIATO SULL’ADDOME. Piegandosi all’indietro; iperestendendosi. Aria fresca. Quando viene sventolato. Sfregamento forte. In riva al mare. Umidità. Al tramonto. Clima umido.

BIBLIOGRAFIA:
- "Studio di Materia Medica Omeopatica" di Lucia Gasparini
- "Decacordi e Pentacordi" di Gladstone Clarke
- "Materia Medica e Repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici" di Shankar Phatak
- "Materia Medica Omeopatica Sinottica - 1° vol." di Frans Vermeulen

Prodotti Consigliati

Con estrazione repertoriale dei sintomi e analisi dei sintomi mentali

Lo trovi anche in: Materia Medica Omeopatica

Pagine: 960, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 85,00 € invece di 100,00 € Sconto 15%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 
Elementi essenziali di 120 rimedi della Materia Medica Omeopatica

Lo trovi anche in: Materia Medica Omeopatica

Pagine: 160, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 14,37 € invece di 16,90 € Sconto 15%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Altri articoli dello stesso autore

Cos'è Antimonium crudum?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Nome Latino: Antimonium crudum - Natura: protosolfuro di antimonio DESCRIZIONE: si presenta sotto forma di prismi ortorombici di colore grigio-bluastro, meno brillante e meno pesante dell'antimonio…

Cos'è Graphites?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Nome Latino: Graphites.- Composizione chimica: è un carbone minerale con piccole tracce di ferro, di acido silicico, di calcio e manganese. DESCRIZIONE: è una sostanza di colore grigio-nerastro, p…

Cos'è Digitalis purpurea?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Nome Latino: Digitalis purpurea. - Ordine Naturale di appartenenza: Famiglia scrofulariaceae DESCRIZIONE: durante il primo anno forma una rosetta basale di foglie grandi, ellittiche e molto pelose,…

Cos'è Nux moschata?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Nome Latino: Nux moschata o Myristica fragrans - Ordine Naturale di appartenenza: Famiglia miristicacee DESCRIZIONE: l'albero può raggiungere un'altezza di 6-10 metri; il frutto è una drupa a forma d…

Cos'è Causticum?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Nome Latino: Causticum - Ordine Naturale di appartenenza: prodotto di distillazione di bisolfato di potassio e calce; secondo il dr. Wagner sarebbe una soluzione debole di idrato di ammoniaca con…

Cos'è Cicuta virosa?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA: Cicuta acquatica. Water hemlock.Famiglia delle Umbelliferae.GENERALITÀComunemente nota come 'Cicuta d'acqua', esercita la sua azione principale sul CERVELLO e sul SISTEMA NERVOSO provocando effetti …

Cos'è Ignatia amara?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Nome Latino: Faba Sancti Ignatii - Ordine Naturale di appartenenza: Famiglia loganiacee DESCRIZIONE: l’albero presenta foglie ovali; i fiori sono bianchi a grappoli e si dipartono dalle cime a…

Cos'è Chamomilla matricaria?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Nome Latino: Matricaria chamomilla - Ordine Naturale di appartenenza: Famiglia composite DESCRIZIONE: il fusto è cilindrico, alto 40-60 cm e di solito ramificato; le foglie sono rare e molto divise, …

Cos'è Calendula officinalis?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

GENERALITA': Agisce sui MUSCOLI, sulla colonna vertebrale, sul fegato, ed è un rimedio molto potente nelle ferite aperte, da strappo, da taglio, nelle ferite lacerate o suppuranti; il dolore è eccessivo e del tutto s…

Cos'è Staphysagria?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Nome Latino: Delphynium staphysagria - Ordine Naturale di appartenenza: Famiglia delle ranuncolacee DESCRIZIONE: la pianta erbacea raggiunge l’altezza di 70-150 cm; le foglie sono alterne e c…

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione