Omeopatia tra scienza e religione. Magia? No, atto medico. La Dr.ssa Antonella Ronchi (presidente FIAMO) risponde al Dott. Di Segni

Pubblicato il 11/02/2019

Categorie: Attualità

Autori: Antonella Ronchi

Fonte: Fiamo

Omeopatia tra scienza e religione. Magia? No, atto medico. La Dr.ssa Antonella Ronchi (presidente FIAMO) risponde al Dott. Di Segni

Gent.mo Dott. Di Segni,

leggo su Medical Facts le seguenti frasi, riportate da un'intervista rilasciata in data 31 gennaio alla rivista online Mosaico.

"La lezione di Riccardo Di Segni. Una bella lezione però ci arriva da Riccardo Di Segni, 70 anni, medico e Rabbino Capo della Comunità ebraica di Roma, la più antica e numerosa comunità italiana. Per le sue competenze e il suo ruolo è considerato una delle principali guide spirituali dell'ebraismo italiano ed europeo, è vicepresidente del Comitato Nazionale di Bioetica e si dedica alla divulgazione della conoscenza della bioetica ebraica con pubblicazioni su riviste, lezioni, relazioni a convegni.

A proposito dell'Omeopatia, ha rilasciato un'intervista alla rivista online Mosaico, testata della Comunità ebraica di Milano, in cui ha dichiarato, a proposito del suo impegno nel Comitato Nazionale di Bioetica: «Nel 2017 ci è stato chiesto un parere sull'etichettatura dei cosiddetti medicinali omeopatici [...] Ho partecipato alla riflessione esprimendo la mia convinta contrarietà a questi prodotti, non solo perché, appunto, la loro efficacia non è convalidata scientificamente, ma anche perché una persona che assumesse questi preparati trasgredirebbe il divieto della Torah di compiere atti magici: i preparati omeopatici, infatti, si basano su sostanze che, diluite, dovrebbero continuare ad assicurare risultati benefici. Tali sostanze sono, però, così estremamente diluite da risultare di fatto inesistenti, configurando quindi la loro assunzione come ricorso a un atto magico». Insomma, una bella lezione di scienza da parte di un religioso."

Sappiamo bene che la principale resistenza al riconoscimento del valore dell'Omeopatia viene dalla sua asserita impossibilità: le soluzioni così diluite non possono avere un'azione biologica perché sono acqua fresca. Ma negli ultimi 10 anni proprio gruppi italiani quali quello di Paolo Bellavite all'Università di Verona e di Andrea Dei all'Università di Firenze hanno condotto ricerche scientifiche pubblicate in letteratura internazionale che dimostrano incontrovertibilmente l'azione del medicinale omeopatico sull'espressione a livello dei geni.

Più recentemente, studi provenienti da vari gruppi di ricerca, tra cui quelli del prof Bellare JR in India e Van Wassenhoven in Belgio, hanno chiaramente dimostrato la presenza di nanoparticelle di medicinale omeopatico anche nelle diluizioni oltre il numero di Avogadro. Chi ad oggi continua ad affermare che nel medicinale omeopatico non c'è nulla dentro, non conosce le evidenze scientifiche attuali. La dimostrazione di nanoparticelle della sostanza di partenza nel medicinale omeopatico apre nuovi scenari sul meccanismo d'azione alla base dell'Omeopatia e la posiziona nel grande campo della nanomedicina, con azione a livello dei geni.

Per i riferimenti bibliografici invitiamo a consultare la banca dati italiana di Omeopatia.

Importanti occasioni per approfondire l'argomento saranno quest'anno il convegno di Firenze della metà di marzo e il Congresso mondiale di Omeopatia che si terrà a settembre proprio in Italia a Sorrento.

Saremmo molto lieti di averla nostro ospite in queste occasioni!

Per quanto riguarda l'incompatibilità dell'uso dell'Omeopatia con i dettami religiosi, tema sul quale non siamo assolutamente titolati ad intervenire, mi limito a riportare quanto ci hanno riferito illustri colleghi medici israeliani.

Ci segnalano che Rabbi Ginzburg, uno dei Rabbini dei più conosciuti in Israele, tenne una lezione dal titolo: Giudaismo, Chassidismo e Omeopatia. Il punto fondamentale di quella conferenza fu che il più alto sistema medico è la benedizione, seguita dall'Omeopatia, seguita poi dalla medicina convenzionale. Portò alcuni esempi dal Vecchio Testamento a sostegno della sua conclusione; per citarne uno: gli ebrei uscendo dall'Egitto arrivarono in un luogo chiamato Marah, dove tutta l'acqua era amara. Dio disse a Mosè di gettare un ramo di un albero amaro nell'acqua, e miracolosamente addolcì l'acqua e la rese potabile. (Esodo 15:22). Un ramo amaro addolcì l'acqua amara: un esempio di come il simile cura il simile. Un tema quindi aperto alla discussione e al confronto.

Ricordiamo qual è in Italia la situazione a livello normativo: l'Accordo Stato Regioni del 2013 sulla formazione e l'esercizio della professione ha portato ormai in molte Regioni all'accreditamento delle scuole di Omeopatia, declinata nelle differenti discipline che comprendono Omeopatia, antroposofia e omotossicologia, e l'iscrizione dei medici esperti in appositi Registri presso quasi tutti gli ordini provinciali dei medici.

Per non dimenticare la registrazione dei medicinali omeopatici presso AIFA, in esecuzione della direttiva comunitaria sui farmaci; la normativa UE riguarda anche il riconoscimento di maggiore qualità delle carni di allevamenti curati omeopaticamente. E la già citata "Strategia dell'OMS per la Medicina Tradizionale 2014-2023" edito da OMS nel 2013, che auspica lo sviluppo dei sistemi di cura tradizionali e complementari.

L'Omeopatia è riconosciuta come atto medico dalla FNOMCeO dal 2002 insieme alla medicina antroposofica e all'omotossicologia e il suo esercizio è in Italia riservato ai medici, odontoiatri, veterinari e farmacisti per gli ambiti di loro competenza.

Un ultimo accenno al CNB. Nel 2004 Il Comitato Permanente di Consenso e Coordinamento per le Medicine Non Convenzionali, di cui sono attualmente coordinatrice, fu ricevuto in audizione dal CNB il 18 giugno 2004 , audizione richiesta a seguito della pubblicazione della Mozione sulle medicine e pratiche Non Convenzionali prodotta il 23 aprile 2004, che alleghiamo.

Si noti la posizione del Prof. Silvestrini al riguardo. Nel frattempo molte cose sono cambiate dal punto di vista normativo e forse è giunto il momento di ritrovarsi e fare il punto su questo tema così rilevante per la salute dei cittadini.

Con i miei più cordiali saluti,

Antonella Ronchi
Presidente FIAMO

Scarica allegato

Altri articoli dello stesso autore

Omeopatia: dopo la Francia non serve una campagna di delegittimazione

Lo trovi in: Attualità

Autori: Antonella Ronchi

Nell'arco di due anni la Francia gradualmente arriverà a non rimborsare più le spese sostenute per acquistare i medicinali omeopatici, che attualmente sono rimborsati per il 30%. La decisione è stata presa dal governo Macron su pr…

Etichettatura dei prodotti omeopatici: alcuni chiarimenti sulla trasparenza dell'informazione

Lo trovi in: Attualità

Autori: Simonetta Bernardini Antonella Ronchi Laura Borghi

In merito al Documento emesso dal Comitato Nazionale di Bioetica “Dichiarazione sull'etichettatura dei preparati omeopatici e sulla trasparenza dell'informazione” le Associazioni e Società Scientifiche italiane che rapp…

Fiamo segnala: 'insegnamento dell'omeopatia a personale non medico'

Lo trovi in: Attualità

Autori: Antonella Ronchi

Gent.ma Dott.ssa Roberta Chersevani, Presidente del Comitato Centrale FNOMCeOGent.mo Dott. Roberto Monaco, Presidente Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Siena, Presidente Federazione Regionale degli Ordini dei …

Le bufale di Garattini sull’omeopatia. Smentiamo e vi diciamo perché

Lo trovi in: Attualità

Autori: Simonetta Bernardini Antonella Ronchi Marisa Certosino

Un imbroglio mediatico portato avanti dal farmacologo Silvio Garattini che si fregia della sua fama internazionale per farsi pubblicare da un piccolo editore un libro di Opinione. Un libro di Opinione che gli dà il gancio di …

Vaccini e Omeopatia: se viene negato il pluralismo nella medicina

Lo trovi in: Attualità

Autori: Antonella Ronchi

In questi giorni i media con grande spiegamento di forze hanno  intrapreso una doppia campagna, contro l'omeopatia, complice la  pubblicazione del libro di Garattini, e a favore dei vaccini senza se e senza ma. Anche se sul d…

Omeopatia: un importante progetto europeo a tutela dei cittadini

Lo trovi in: Attualità

Autori: Antonella Ronchi

È quotidiana la constatazione che c'è grandissima confusione riguardo cosa sia l'omeopatia, che cosa caratterizzi il medico omeopata, cosa si deve aspettare un paziente che chiede di essere curato da un medico omeopata. Molte v…

L'Omeopatia e le sue prime battaglie. Saperne di più per una scelta responsabile

Autori: Antonella Ronchi

Paolo Bellavite ha curato la traduzione, le note e la presentazione di questo piccolo, interessante libro francese il cui titolo originale è L'omeopatia e i suoi aggressori. Il titolo originale mette senza tanti complimenti …

Omeopatia: conoscersi, curarsi, guarire (Recensione)

Lo trovi in: Estratti Libri - Recensioni

Autori: Antonella Ronchi

Credo che tutti i medici omeopati si siano trovati davanti alla necessità di dare spiegazioni ai loro pazienti riguardo alle caratteristiche della medicina omeopatica. Ciascuno trova un suo metodo: c'è chi fa una spiegazione v…

Omeopatia: conoscersi, curarsi, guarirsi (Recensione)

Lo trovi in: Estratti Libri - Recensioni

Autori: Antonella Ronchi

Le librerie, le farmacie specializzate e i siti internet sono pieni di testi divulgativi sull'omeopatia, ma sono spesso scritti fuorvianti, addirittura dannosi per una corretta comprensione della medicina omeopatica. Molti sono…

Influenza e Omeopatia - Lettera al Ministro Fazio

Lo trovi in: Attualità

Autori: Antonella Ronchi

All'attenzione del Ministro della SaluteGent. Prof Fazio, i media hanno riportato in questi giorni con grande evidenza una presa di posizione del Ministero della salute riguardo all'influenza, di cui riporto un esempio tratto da…

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione