Otite acuta mortale: come usare un grave caso di malpractice per attaccare la medicina omeopatica

Pubblicato il 29/05/2017

Categorie: Attualità

Autori: Alberto Magnetti

Fonte: Appuntamento con l'omeopatia

Otite acuta mortale: come usare un grave caso di malpractice per attaccare la medicina omeopatica

Perché a fronte di un singolo caso di malpractice viene criminalizzato l'approccio omeopatico nel suo complesso?

A seguito del drammatico caso del piccolo di Ancona deceduto per una otite acuta malcurata i mass media hanno trasformato il fatto in un accusa diretta alla pratica dell'omeopatia.

Ieri a Palermo un uomo di 38 anni è morto mentre lo stavano operando per calcoli della colecisti.
Pare che il chirurgo sia uscito dalla sala operatoria in stato di shock, dicendo "è colpa mia. Ho reciso per sbaglio l'aorta addominale". I giornali riporteranno la notizia come "è folle farsi curare con la chirurgia"? Si parlerà, immagino, giustamente, di malpractice. Gli errori medici sono la terza causa di morte nei Paesi industrializzati, eppure nessuno si sogna di crocifiggere l'establishment sanitario o mettere in dubbio il valore della medicina contemporanea.

Già 10 anni fa il Centro antiveleni di Milano riportava che: "il 45% delle intossicazioni è causato da farmaci di sintesi o meglio detti convenzionali." Cioè quelli erogati dal Servizio Sanitario Nazionale. In particolare tra il 2004 e il 2006 sono stati riportati oltre 17.000 casi di intossicazioni da farmaci e 3.046 a causa di errori terapeutici, in particolare somministrazione eccessiva di farmaci.

Come sostiene il dott. Tommaso Camerota perito del Tribunale di Milano a proposito di malpractite, "la medicina non è una scienza caratterizzata da risultati assoluti; 0% e 100% infatti non esistono. I motivi di ciò risiedono nella natura stessa dell'uomo, nella sua biologia e nel comportamento delle differenti patologie. Accanto a tale dato occorre però evidenziare la esistenza di abusi e di atteggiamenti professionali che non trovano corrispondenza con la deontologia medica e con gli standard minimi di assistenza. Per definire questo ambito della medicina viene abitualmente adottato il termine malpractice sanitaria (o medica), nel quale si fanno confluire i concetti di abuso, di illecito, di negligenza, di imperizia."

"Purtroppo, nella percezione popolare e nel rimbalzo mediatico, la notizia è stata proposta come una prova della 'pericolosità' dell'omeopatia" sostiene il dott. Aldo Cichetti che con una metafora musicale molto pertinente chiosa, " E' come se, assistendo ad un concerto stonato, si accusassero le fabbriche di pianoforti di produrre strumenti stonati, e non si andasse a verificare l'abilità e le competenze del pianista."

"Al momento non ho capito quale prescrizione sia stata fatta dal medico - che evidentemente ha sbagliato - oppure se si sia trattato di una cura 'fai da te'. In questo secondo caso sarebbe ancora più grottesco accusare lo strumento e non il musicista."

Trovo di grande buon senso il comunicato stampa della FIAMO che qui riporto:


COMUNICATO STAMPA DEL 27 MAGGIO 2017

La FIAMO è vicina ai familiari del bambino di Ancona ai quali esprime le sue più sentite condoglianze per quanto accaduto. In attesa di conoscere i dettagli di questa vicenda, intende precisare quanto segue:

Il medico esperto in omeopatia è prima di tutto un medico, quindi utilizza nella cura del paziente lo strumento migliore per quella situazione patologica. Che l'otite catarrale acuta del bambino sia una patologia nella quale in prima battuta l'indicazione dell'antibiotico sia errata è una cosa condivisa nella letteratura medica da tantissimi anni.

L'esperienza dei medici omeopati è che in questa prima fase della malattia il medicinale omeopatico ben indicato è in grado di risolvere l'infiammazione. Ma se ciò non avviene, e se il medico non riesce ad individuare la soluzione all'interno delle sue competenze omeopatiche, lo strumento terapeutico deve essere scelto tra tutto ciò che la medicina mette a disposizione, nel caso specifico l'antibiotico.

Poiché la conoscenza del caso di cui si dispone è quella che tutti possiamo dedurre dalla lettura delle cronache non conoscendo in dettaglio il caso in questione, la FIAMO si astiene dall'esprimere giudizi sui fatti e respinge la criminalizzazione dell'approccio medico omeopatico nel suo complesso a fronte di un singolo caso.

Il Consiglio Direttivo FIAMO

Altri articoli dello stesso autore

L'Omeopatia alla corte dei miracoli di Piazza Pulita tra saltimbalchi, clown e vecchie ballerine

Lo trovi in: Attualità

Autori: Alberto Magnetti

Ho lasciato passare qualche giorno prima di raccontare, con un linguaggio non volgare, l'esperienza di referente per la medicina omeopatica alla trasmissione sull'Omeopatia di Piazza Pulita su LA7 del 1° dicembre a cui sono stato …

La lettera di un medico omeopata a Gramellini

Lo trovi in: Attualità

Autori: Alberto Magnetti

La dottoressa Marialisa Angeli ha pubblicato una lettera in risposta all'articolo di Gramellini sul piccolo di Ancona morto per encefalite. Ritengo debba essere letta da tutti e soprattutto da Gramellini.Saint Pierre…

L'omeopatia funziona! Ecco gli studi scientifici

Lo trovi in: Ricerca Omeopatica

Autori: Alberto Magnetti

Il tempo si srotola nel suo divenire e ci porta un sacco di notizie. Ve ne racconto qualcuna.Il dott. Attilio Speciani, allergolo e immunologo clinico, ci racconta in un suo articolo che i farmaci antipiretici e antinfiammatori…

Trolling & Homeopathy, la diffamazione mediatica dell'omeopatia

Autori: Alberto Magnetti

"Calunniate, calunniate: qualcosa resterà" questo sosteneva Francis Bacon filosofo inglese del Seicento. così comincia un articolo di Federico Rampini sul tema del trolling, delle calunnie che impazzano sul web. Continua citando l…

Omeopatia vera "Slow Medicine". Come sostenere una decrescita felice dei costi sanitari

Lo trovi in: Metodologia Omeopatica

Autori: Alberto Magnetti

Una realtà: abusiamo di farmaci, esami e di screening, con incremento continuo di ciò che tecnicamente è definita medicalizzazione. In un recente articolo pubblicato su Annals of Internal Medicine si sostiene che un terzo delle in…

L'omeopatia perde un grande amico, la scienza un grande pensatore e il mondo un uomo libero

Autori: Alberto Magnetti

E' morto il Prof. Emilio Del Giudice, fisico, ricercatore dell'Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Venerdì 31 gennaio è morto Emilio Del Giudice, grande fisico nucleare italiano che è stato un attivo e aperto ricercatore  anc…

Continua ad aumentare il successo dell'Omeopatia tra i cittadini europei

Autori: Alberto Magnetti

Un sondaggio della rivista Altroconsumo tra i cittadini europei ha confermato la tendenza positiva. Mentre in territorio statunitense assistiamo alla class action contro l'azienda farmaceutica omeopatica Boiron per la pubblicità …

Medicinali Omeopatici: dimostrata la riproducibilità in laboratorio

Lo trovi in: Ricerca Omeopatica

Autori: Alberto Magnetti

Tempo fa avevo pubblicato un articolo dal titolo "Anche i topolini sono sensibili alle medicine omeopatiche" a seguito della pubblicazione, sull'autorevole rivista scientifica Psychopharmacology, di un importante lavoro…

L'omeopatia tra informazione e disinformazione

Autori: Alberto Magnetti

La F.I.A.M.O. (Federazione Italiana Associazioni e Medici Omeopati) incontra i giornalisti al Circolo della Stampa di MilanoL' informazione che leggiamo sulla medicina omeopatica  talvolta  è poco chiara,  crea confusioni e, com…

Oltre la metà dei medici di famiglia è d'accordo sull'impiego della medicina omeopatica nella pratica clinica

Autori: Alberto Magnetti

I risultati di un recente sondaggio del Health Monitor CompuGroup Medical in sinergia con il Sole 24 Ore Sanità. Un recente sondaggio del Health Monitor CompuGroup Medical in sinergia con il  Sole 24 Ore Sanità ha confermato il tr…

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione