Cos'è Phosphoricum acidum?

Pubblicato il 27/11/2011

Categorie: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

Cos'è Phosphoricum acidum?

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA
- Nome Latino: Acidum phosphoricum
- Composizione chimica: è un acido tribasico

DESCRIZIONE: si presenta come un liquido sciropposo, incolore, inodore, molto solubile in acqua e di sapore acido.

ORIGINE E DISTRIBUZIONE: è ottenuto trattando il fosfato tricalcico con dell’acido solforico; in natura è particolarmente abbondante nelle ossa dei mammiferi; svolge un ruolo fondamentale nelle cellule, in quanto è contenuto negli acidi nucleici (RNA, DNA), nei nucleotidi (AMPc, ATP) ed è in grado di liberare per idrolisi elevate quantità di energia per i fabbisogni cellulari.

CENNI STORICI: fu utilizzato in passato in caso di rachitismo, emorragie e impotenza; attualmente viene utilizzato per la produzione di concimi e di additivi per mangimi sintetici.

PREPARAZIONE: La preparazione omeopatica di Phosphoricum acidum si ottiene diluendolo in acqua, per le prime tre dinamizzazioni, in alcool puro dalla quarta in poi.

AZIONE GENERALE SPERIMENTALE E TERAPEUTICA
- Stato generale: astenia molto marcata (tipica degli acidi), caduta dei peli (capelli, ciglia, sopracciglia) e sudorazione profusa.
- Sistema nervoso: compromissione delle capacità intellettive, psicoastenia, apatia e indifferenza affettiva.
- Tessuto osseo, epatico, renale e pancreatico: ha un’azione simile a Phosphorus.
- Apparato digerente: meteorismo e diarrea.
- Apparato urogenitale: poliuria pallida, fosfaturia e impotenza.

INDICAZIONI GENERALI
E’ indicato: nei casi acuti e cronici; nei bambini; nei ragazzi in età puberale; negli anziani; nelle malattie infettive e nella fase di esordio di gravi malattie metaboliche o di processi autoimmuni; in seguito a spaventi o shock psicologici; nei soggetti particolarmente passionali, emotivi e spesso incapaci di adattarsi e di neutralizzare gli stress emozionali.

QUADRO CLINICO
- Acuto

Insorge: in corso di malattie infettive particolarmente debilitanti; nella fase di esordio di gravi malattie metaboliche, quali diabete insulinoprivo o insufficienza renale; in seguito a spaventi o shock psicologici particolarmente intensi. E’ caratterizzato da: stato soporoso, sudorazione abbondante, diarrea, disidratazione e compromissione dello stato generale; stupore emozionale e a volte canizie improvvisa.

- Cronico
Insorge: nei ragazzi dopo accrescimento staturale troppo rapido, per impegni di studio particolarmente gravosi, per polluzioni frequenti o eccessivo onanismo; negli adulti dopo stress emozionali secondari a dispiaceri, perdita di persone care, delusioni sentimentali, amori non corrisposti, dispiaceri o rovesci finanziari, dopo surmenage intellettivi, eccessi sessuali o astinenza sessuale.
E’ caratterizzato da: compromissione delle capacità intellettive, difficoltà di concentrazione, decadimento della memoria, difficoltà di espressione verbale; quindi, secondariamente, astenia psicofisica, cefalea, sensazione di peso e di calore al vertice, disturbi vasomotori, canizie, caduta dei capelli e dei peli del corpo, febbricola, eiaculazioni precoci, impotenza, depressione, rassegnazione, rallentamento motorio, desiderio di riposo e tranquillità, apatia e indifferenza affettiva nei confronti di qualsiasi stimolo, depressione immunitaria e, in alcuni casi, insorgenza di una malattia organica grave.

CARATTERISTICHE CLINICHE ESSENZIALI
- Psicoastenia.
- Apatia e indifferenza affettiva nei confronti di qualsiasi stimolo.
- Compromissione delle capacità intellettive e della memoria.
- Responsabilità eziologica spesso riconducibile a emozioni deprimenti (dispiaceri, perdita di una persona cara, mortificazioni, preoccupazioni, rovesci finanziari, delusioni affettive o sentimentali).

PRINCIPALI INDICAZIONI CLINICHE
1 - Costituzioni debilitate: aspetto pallido e malaticcio, occhi infossati e circondati da aloni bluastri. Adolescenti che crescono troppo in fretta.
2 - Il paziente è svogliato e apatico, non ha voglia di parlare ed è turbato dal dispiacere.
3 - Grande debilitazione e depressione per cause emozionali che durano molto tempo oppure dopo una grave malattia acuta o perdita di liquidi vitali; nevrastenia di natura sessuale.
4 - Febbri adinamiche con totale apatia e obnubilamento, anche se è pienamente cosciente quando è ben sveglio; addome timpanico; la lingua ha una striscia rossa nel mezzo, che si allarga nella parte anteriore; incontinenza fecale; emorragie di sangue scuro.
5 - Cefalee con dolore schiacciante al vertice; cefalee da affaticamento oculare:
a) peggiorato dal minimo rumore, specialmente dalla musica, dal movimento;
b) migliora stando steso.
6 - Diarree croniche, indolori, non debilitanti; feci pallide o biancastre.
7 - Poliuria, specialmente di notte; urine chiare e acquose o come latte (per eccesso di fosfati).
8 - Infiammazione interstiziale delle ossa; dolori come se venissero raschiate da un coltello.
9 - Debolezza toracica, specialmente quando parla o tossisce (Stann.).
10 - È generalmente migliorato dal sonno, mentre i dolori di solito sono peggiorati dal movimento.

TESSUTI PIU' COMUNI
- Tessuti e/o le regioni del corpo verso cui il rimedio in questione ha una particolare affinità:
 MENTE. Nervi. Apparato sessuale. Spina dorsale [nervi sensitivi; muscoli]. Ossa.
- Lateralità del rimedio: Lato destro. Lato sinistro.

EZIOLOGIA
Emozioni deprimenti (perdita di persone care, delusioni affettive e sentimentali, dispiaceri, spaventi, mortificazioni, rovesci finanziari, preoccupazioni, shock psicologici); eccessi sessuali od onanismo; soppressione del desiderio sessuale; perdita di liquidi organici (allattamento, polluzioni, ipermenorrea, poliuria); perdita di sonno; sforzi intellettivi; gravi malattie acute; diabete; soppressione di eruzioni; intossicazioni; abuso di mercurio o di chinino.

SINTOMI MENTALI PIU' COMUNI
Gli aspetti più caratteristici della sua personalità sono: una forte carica affettiva e passionale, l’emotività, l’incapacità di adattarsi o di neutralizzare gli stress emozionali, un progressivo deterioramento delle capacità intellettive e della memoria, la depressione e l’apatia con indifferenza affettiva nei confronti di qualsiasi stimolo o situazione.
La passionalità fa sì che egli viva ai gradi estremi, secondo una polarità piaceredispiacere, tutte le esperienze psichiche, gli impedisce di accettare le situazioni di profondo disagio e di intensa sofferenza e lo rende particolarmente vulnerabile agli stress emozionali, alle esperienze di rifiuto o di perdita reale o fantasmatica.
La nostalgia lo vincola al passato, alimenta un desiderio ardente e doloroso di persone, cose, luoghi o situazioni già trascorse e che vorrebbe rivivere, gli impedisce di verbalizzare, di scaricare o comunque di operare un’integrazione cognitiva atta a superare la sofferenza del presente.

L’incapacità, ma anche il rifiuto di adattarsi e di neutralizzare le esperienze dolorose, comporta il predominio di meccanismi neuroendocrini di tipo analgesico che gli permettono di sopravvivere, ma limitano ulteriormente la sua capacità di adattamento agli stress emozionali, intaccano la sua lucidità mentale e comportano depressione e alterazioni immunitarie.
La graduale perdita di memoria, la difficoltà di concentrazione e di espressione verbale lo preoccupano, alimentano una forte ansia per la salute e per il suo futuro, comportano un ulteriore abbassamento del tono dell’umore e una progressiva coartazione del suo orizzonte esistenziale. Rinuncia agli impegni di lavoro che non riesce a fronteggiare, rinuncia agli impegni sociali per non affrontare lo sforzo della conversazione, evita di affrontare qualsiasi situazione di stress e limita i suoi interessi ad attività manuali e di banale routine.
La graduale perdita di interessi e l’incapacità di reagire per mancanza di energia, vengono vissuti con rassegnazione e distacco. Spesso, questo stato di indifferenza affettiva nei confronti di qualsiasi stimolo ed evento, si associa a gravi alterazioni dei meccanismi di immunosorveglianza e preannuncia l’insorgenza di malattie organiche.

MODALITA'
- Peggioramento

PERDITA DI LIQUIDI BIOLOGICI. Eccessi sessuali. Affaticamento. Convalescenza dopo la febbre. EMOZIONE; afflizione; dispiaceri. Shock mentale. Nostalgia. Infelicità affettiva. Correnti d’aria; fredde. Musica. Parlando. Stando seduto. In piedi. Eccessivo sollevamento di pesi. Interventi chirurgici. Spavento (cronico)

- Miglioramento
Calore. Sonnellini. Defecando.


BIBLIOGRAFIA:
- "Studio di Materia Medica Omeopatica" di Lucia Gasparini
- "Decacordi e Pentacordi" di Gladstone Clarke
- "Materia Medica e Repertorio essenziale dei medicamenti omeopatici" di Shankar Phatak
- "Materia Medica Omeopatica Sinottica - 1° vol." di Frans Vermeulen

Prodotti Consigliati

Elementi essenziali di 120 rimedi della Materia Medica Omeopatica

Lo trovi anche in: Materia Medica Omeopatica

Pagine: 160, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 14,37 € invece di 16,90 € Sconto 15%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 
Con estrazione repertoriale dei sintomi e analisi dei sintomi mentali

Lo trovi anche in: Materia Medica Omeopatica

Pagine: 960, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 85,00 € invece di 100,00 € Sconto 15%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Altri articoli dello stesso autore

Cos'è Antimonium crudum?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Nome Latino: Antimonium crudum - Natura: protosolfuro di antimonio DESCRIZIONE: si presenta sotto forma di prismi ortorombici di colore grigio-bluastro, meno brillante e meno pesante dell'antimonio…

Cos'è Graphites?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Nome Latino: Graphites.- Composizione chimica: è un carbone minerale con piccole tracce di ferro, di acido silicico, di calcio e manganese. DESCRIZIONE: è una sostanza di colore grigio-nerastro, p…

Cos'è Digitalis purpurea?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Nome Latino: Digitalis purpurea. - Ordine Naturale di appartenenza: Famiglia scrofulariaceae DESCRIZIONE: durante il primo anno forma una rosetta basale di foglie grandi, ellittiche e molto pelose,…

Cos'è Nux moschata?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Nome Latino: Nux moschata o Myristica fragrans - Ordine Naturale di appartenenza: Famiglia miristicacee DESCRIZIONE: l'albero può raggiungere un'altezza di 6-10 metri; il frutto è una drupa a forma d…

Cos'è Causticum?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Nome Latino: Causticum - Ordine Naturale di appartenenza: prodotto di distillazione di bisolfato di potassio e calce; secondo il dr. Wagner sarebbe una soluzione debole di idrato di ammoniaca con…

Cos'è Cicuta virosa?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA: Cicuta acquatica. Water hemlock.Famiglia delle Umbelliferae.GENERALITÀComunemente nota come 'Cicuta d'acqua', esercita la sua azione principale sul CERVELLO e sul SISTEMA NERVOSO provocando effetti …

Cos'è Ignatia amara?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Nome Latino: Faba Sancti Ignatii - Ordine Naturale di appartenenza: Famiglia loganiacee DESCRIZIONE: l’albero presenta foglie ovali; i fiori sono bianchi a grappoli e si dipartono dalle cime a…

Cos'è Medorrhinum?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Natura: nosode - Composizione: è un materiale organico; è ottenuto prelevando del secreto blenorragico in malati non ancora sottoposti a trattamento; l’esame citologico rivela numerosi pol…

Cos'è Chamomilla matricaria?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

DENOMINAZIONE E APPARTENENZA- Nome Latino: Matricaria chamomilla - Ordine Naturale di appartenenza: Famiglia composite DESCRIZIONE: il fusto è cilindrico, alto 40-60 cm e di solito ramificato; le foglie sono rare e molto divise, …

Cos'è Calendula officinalis?

Lo trovi in: Rimedi Omeopatici

Autori: L'Omeopata di LibriOmeopatia.it

GENERALITA': Agisce sui MUSCOLI, sulla colonna vertebrale, sul fegato, ed è un rimedio molto potente nelle ferite aperte, da strappo, da taglio, nelle ferite lacerate o suppuranti; il dolore è eccessivo e del tutto s…

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione