Omeopatia, le ricerche anti-cancro

Pubblicato il 25/10/2016

Categorie: Metodologia Omeopatica

Autori: Paolo Bellavite

Omeopatia, le ricerche anti-cancro

L'omeopatia è una delle medicine complementari più usate nel mondo, anche in pazienti oncologici. Tuttavia, paradossalmente, è una delle meno studiate. Di conseguenza, la domanda cruciale "l'omeopatia cura il cancro?" è ancora senza risposta. Non ci sono sufficienti evidenze, mancano precise meta-analisi (valutazioni soppesate della letteratura) fatte da esperti del settore e pubblicate su riviste attendibili.

Le applicazioni

L'omeopatia può sicuramente intervenire come approccio complementare. I pazienti con tumore possono avere, per la malattia stessa o per le terapie che devono fare, problemi di insonnia, di ansietà, di digestione, dermatologici e delle mucose, cefalea, dolori, maggiore suscettibilità alle infezioni e via dicendo. Ad oggi l'omeopatia si è dedicata proprio alla risoluzione di questi problemi e i risultati sono confortanti. Un gruppo di ricercatori israeliani ha dimostrato che i bambini che fanno la chemioterapia, se trattati con medicinali omeopatici, possono trarre beneficio per le infezioni e infiammazioni della bocca (frequenti in tale condizione e causa di notevole dolore). Altri studi dimostrano positivi effetti sui sintomi cutanei da radioterapia o sulle "vampate" della menopausa indotta in pazienti in cura per cancro della mammella, altri ancora dimostrano utilità nel trattamento di vomito e nausee causate da chemioterapia.

I modelli

La ricerca pre-clinica vede modelli sperimentali sviluppati sulle piante e soprattutto su animali di laboratorio. Esistono molteplici dimostrazioni della validità del principio del "simile" secondo cui una sostanza tossica (o cancerogena), data in minime dosi, può rafforzare la difesa e proteggere dagli effetti patogeni della stessa o di una simile sostanza data in dosi massicce. Nel campo oncologico esistono almeno tredici pubblicazioni sperimentali fatte su topi di laboratorio, con risultati positivi. Risulta che alcuni medicinali producono effetti significativi di rallentamento della crescita in tumori indotti sperimentalmente (fegato, prostata, sarcomi). Ovviamente, ciò non significa che gli stessi medicinali possano già essere usati nell'uomo. Ma i risultati sono molto promettenti per avviare studi in modo più sistematico e segnano una svolta importante nello sviluppo della ricerca omeopatica.

Promesse

Non finisce qui. Ci sono anche altre ragioni per cui varrebbe la pena di guardare all'omeopatia con più interesse. Partendo dalla considerazione che per valutare una qualsiasi terapia è necessario adeguare i metodi alla natura della terapia stessa, oggi si crede, con troppa superficialità, che l'unico metodo attendibile per certificare l'efficacia di un farmaco sia lo studio randomizzato-controllato-doppio cieco. Quest'opinione è divenuta un dogma della farmacologia e pare indiscutibile. Tuttavia, si dimentica che quel metodo - che ha indubbiamente molti meriti perché ha garantito la scoperta di nuovi farmaci e l'eliminazione dei farmaci inutili- è stato messo a punto per i farmaci chimici, dati in alte dosi, provati su gruppi "omogenei" di pazienti, con "end points" (parametri di efficacia da valutare) molto precisi, in cui né l'atteggiamento psicologico del malato, né il rapporto tra medico e paziente devono contare. Esso non si applica facilmente all'omeopatia, così come alla chirurgia, alla psicologia, all'igiene pubblica, alla fisioterapia, ecc.

Il metodo

Ecco quindi che, pur salvaguardando la possibile validità di risultati ottenuti con il metodo del doppio cieco anche nello studio dei medicinali omeopatici (in precise condizioni cliniche e con end-points di particolari sintomi), per l'omeopatia si dovrebbe adottare un ventaglio di metodi clinici di valutazione, inclusi gli studi osservazionali e le casistiche retrospettive, purché fatti in modo scientificamente preciso e con valutazioni statistiche.

In conclusione, tutte queste evidenze indicano che l'omeopatia potrebbe in futuro avere un ruolo nella terapia del cancro, anche a livello della cura dei sintomi e del sostegno delle condizioni generali del paziente. La ricerca clinica in questo campo ha ancora molto da esprimere. E' necessario però un maggiore supporto da parte delle istituzioni pubbliche per questo settore che interessa molto i pazienti, ma è ancora troppo sottovalutato dai circoli oncologici ufficiali.

Prodotto Consigliato

Come alleviare gli effetti indesiderati di chemioterapia, radioterapia, interventi chirurgici e terapia ormonale

Lo trovi anche in: Oncologia

Pagine: 352, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 37,91 € invece di 39,90 € Sconto 5%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Libri dalla stessa categoria

Altri articoli dello stesso autore

Dottore ma è vero che? Lettera aperta al Presidente FNOMCeO dr. Filippo Anelli

Lo trovi in: Attualità

Autori: Paolo Bellavite

Egregio Presidente, ho letto sul sito collegato con quello della FNOMCeO, alle pagine "Dottore ma è vero che?" un articolo del dr. Salvo Di Grazia intitolato "L'omeopatia ha effetti scientificamente dimostrati?" Mi occupo di …

La micidiale bufala dell’omeopatia e del placebo

Lo trovi in: Metodologia Omeopatica

Autori: Paolo Bellavite

Tutti sanno che un lavoro pubblicato dal Lancet nel 2005 (Shang A et al. Lancet 2005; 366:726-32) fu presentato come la prova che l'omeopatia sia equivalente al placebo ed ebbe un fortissimo impatto sul mondo medico scientifico.…

'Non usate la tragedia di Luca per condannare l'omeopatia'

Lo trovi in: Attualità

Autori: Paolo Bellavite

Caro direttore, ho letto l'articolo di Angela Cossu "La tragedia del bambino curato solo con l'omeopatia e morto di polmonite". Da medico ricercatore, ho dedicato molto del mio lavoro alla ricerca seria e rigorosa nel campo…

L'Omeopatia e le sue prime Battaglie. Alle radici del perenne confronto-scontro tra le diverse correnti in Medicina (Recensione)

Lo trovi in: Estratti Libri - Recensioni

Autori: Paolo Bellavite

Com'è ben noto, la storia ha molto da insegnare e così è in Medicina. Il libretto "L'Omeopatia e le sue prime Battaglie", pubblicato nel 1836 in lingua tedesca e francese, racconta fatti e di-battiti antichi, quindi consegnati al…

La similitudine omeopatica

Lo trovi in: Metodologia Omeopatica

Autori: Paolo Bellavite

L'omeopatia si fonda sulla similitudine: essa intende curare il malato sfruttando il fatto, sperimentalmente dimostrato, che un medicinale diluito e "dinamizzato" cura quei sintomi che è in grado di provocare quando viene …

Fritjof Capra e l'Omeopatia

Lo trovi in: Attualità

Autori: Paolo Bellavite

In occasione del congresso nazionale FIAMO ho avuto l'occasione di incontrare per la prima volta personalmente Fritjof Capra, il fisico austriaco che oggi vive negli USA, protagonista di un grande movimento culturale e scientifico…

Omeopatia - Un aiuto alla cura o semplice 'stregoneria'?

Lo trovi in: Attualità

Autori: Paolo Bellavite

Sull'onda delle dichiarazioni di un'associazione di medici britannici, secondo cui l'omeopatia sarebbe "stregoneria", abbiamo assistito a un dibattito tra il farmacologo Silvio Garattini e Christian Boiron, presidente dei…

L'Omeopatia è equivalente a un placebo? La critica a uno studio su Lancet

Lo trovi in: Metodologia Omeopatica Attualità

Autori: Paolo Bellavite

Ha fatto scalpore la notizia di uno studio pubblicato da Lancet [1] in cui ricercatori svizzeri avrebbero dimostrato la equivalenza tra omeopatia e placebo. Gli autori dello studio partono dalla convinzione che gli effetti…

Biodinamica, Medicina Integrata e la Ricerca Clinica in Omeopatia

Lo trovi in: Metodologia Omeopatica Ricerca Omeopatica

Autori: Paolo Bellavite Sabrina Lussignoli Giuseppe Andrioli

Nella prima parte di questo intervento viene esposta, in forma riassuntiva e schematica, parte del percorso concettuale e sperimentale che è svolto estesamente nel recente libro "Biodinamica, basi fisiopatologiche e tracce di …

Medicine complementari. Considerazioni semantiche e prospettive d’integrazione

Lo trovi in: Metodologia Omeopatica

Autori: Paolo Bellavite

Recenti iniziative promosse dall'Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri e dalla Federazione Nazionale hanno aperto un dialogo sul tema delle medicine complementari. Il ricorso a pratiche mediche cosiddette "alternative"…

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione