La vita di Margaret Lucy Tyler [Maestro dell'Omeopatia]

Pubblicato il 11/03/2021

Categorie: Storia dell'Omeopatia

Autori: Anna Fontebuoni

Fonte: Il Medico Omeopata - Rivista

La vita di Margaret Lucy Tyler [Maestro dell'Omeopatia]

Siamo nel 1929 circa e Margaret Lucy Tyler, classe 1875, è direttrice del London Homeopathic Hospital. Per arrivare fin lì la strada è stata tortuosa, ma non difficile: è figlia d'arte, papà e mamma che praticano l'omeopatia l'hanno consigliata, sostenuta, e lei non li ha delusi. Il padre, sir Henry Whatley Tyler, è un importante ispettore delle ferrovie inglesi, conosciuto in tutta Europa e oltre oceano per le sue perizie di disastri ferroviari e poi membro del parlamento inglese. Dovunque vada porta con sé i miracolosi granuli, che in terre lontane e inospitali gli hanno salvato più di una volta la vita.

La madre, Margaret Pasley, è figlia di un generale scozzese che ha praticato l'omeopatia sin dal 1851, ha una grossa esperienza in materia e la mette a frutto lavorando per il London Homeopathic Hospital. Entrambi sono benestanti. Margaret inizia a lasciare tracce di sé quando si laurea in Medicina, prima a Edimburgo poi a Bruxelles, nel 1903, a 28 anni. È la prima omeopata di famiglia ad aver studiato medicina. È una giovane studiosa, non ha tempo per sposarsi e farsi una famiglia. L'Omeopatia diventa la sua vita. Ma quale Omeopatia?

Hahnemann è morto nel 1843 e il suo allievo e amico inglese, l'aristocratico dr. Quin, fondatore del London Homoeopathic Hospital nel 1849, l'ha diffusa presso la nobiltà inglese. La casa reale stessa si vanta di curarsi con l'omeopatia, quella che da Hahnemann in poi non ha fatto passi avanti: elenchi di sintomi mandati a memoria, dose unica non ripetuta, rigido stile di vita ottocentesco. Un conservatorismo che piace e fa comodo alle classi aristocratiche. Margaret ha altre idee, è affascinata dalle conferenze del prof. Kent, dal nuovo mondo, vuole curare i poveri. Convince 'papa' a mandarla in America, a Chicago, culla della nuova omeopatia a imparare il metodo artistico di Kent. Sono i primi anni del secolo. Con Kent avrà un lungo rapporto epistolare, ma non lo incontrerà mai.

L'ambiente americano ha comunque una forte influenza su di lei, scambia idee e informazioni con i maggiori allievi di Kent, si immerge nella viva attività culturale a favore dell'omeopatia di Chicago. Al suo ritorno a Londra, nel 1907 circa, inizia a lavorare al London Homoeopathic Hospital, in quel momento inadeguato per sostenere le numerosissime richieste di ricoveri. Si apre una campagna di raccolta fondi per ampliare la struttura ospedaliera e Sir Henry Tyler contribuisce con 10.000 sterline. Dice allora alla figlia: "Io ho fatto la mia parte, ho ingrandito l'ospedale, ora tocca a te". La nuova ala che sarà costruita, un edificio di sette piani con 163 letti, verrà completata nel 1911 e prenderà il nome di 'Sir Henry Tyler Wing'. Nel 1908 l'amatissimo padre muore e, in sua memoria, la madre Margaret istituisce un fondo, il 'Sir Henry Tyler Scholarship' per sovvenzionare medici omeopati che vogliono andare in America a imparare l'omeopatia.

È ovvio che l'esperienza di Margaret Jr. ha una profonda influenza. La borsa di studio viene assegnata fino allo scoppio della Prima guerra mondiale. Al London Homeopathic Hospital Margaret rimane a lavorare per quarant'anni. Mentre sua mamma si prende cura del reparto pediatrico ('my children' chiama i suoi piccoli pazienti, i 'miei bambini' o, nell'ambiguità dell'inglese, i 'miei figli', i figli mai avuti ma pur sempre amati), lei si specializza in bambini ritardati, 'infelici'. Quarant'anni corrono veloci quando ci si dedica a una grande passione. E poi c'è lo studio, il tè con le infermiere, le conferenze, le riunioni, amicizie, forse amori, occasioni perdute, tutto dentro l'ospedale. Ma soprattutto, quando si toglie il camice, è davanti al suo tavolino che le piace stare, a scrivere. I giri di perle al collo diventano uno, l'abito più morigerato, l'espressione assorta davanti a tutte quelle carte.

Molto del suo lavoro è volto a formare nuovi omeopati: non solo scienziati, ma artisti della nuova omeopatia, la 'omeopatia bastarda' del prof. Kent. In Quadri di rimedi omeopatici (1942) descrive i rimedi con sensibilità 'dickensiana': quadri personalizzati, non più lunghi elenchi di sintomi di proving, non più liste aride. Persino la Materia Medica di Kent, a suo confronto, sembra piatta. Eppure rimane scienziata: collabora con i più importanti omeopati del suo tempo, Weir, Clarke, Gibson Miller, si avvale di tutte le informazioni a sua conoscenza e ne cita rigorosamente i testi. Non solo, dà il suo contributo originale in base alle proprie esperienze cliniche, introduce il concetto di rimedio costituzionale, di gerarchizzazione, usa gli isodi dei vaccini per trattare traumi pregressi, Baptisia nella 'spagnola'.

L'Omeopatia diventa agile letteratura scientifica e raggiunge tutte le fasce sociali. Per conquistare un pubblico scientifico ancor più ampio e presentare ancor più studi originali, pubblica una rivista, Homeopathy, per ben 11 anni, dal 1932 al 1942. E poi tiene conferenze alla Faculty of Homeopathy di Londra, e capisce che venire a sentirla dai quattro angoli dell'Inghilterra non è alla portata di tutti, quindi si inventa un corso di Omeopatia per corrispondenza, che la impegna per anni. Tutta la sua incontenibile attività è concentrata nella cura dei malati e nella trasmissione delle conoscenze.

Eppure mi piace pensare che, come altre omeopate americane del suo tempo, sia stata attratta dalle 'moderne' idee riformiste, sociali e femministe. Non suffragetta, per carità, aveva ben altro da fare, ma simpatizzante piena di contraddizioni. Margaret Tyler sembra riassumere tutti gli stereotipi femminili del suo tempo. È l'angelo che cura i bambini poveri, il lavoro è la sua famiglia, ad esso dedica tutta se stessa, ha una fede profonda, ma è anche la donna che si prende due lauree in medicina, parte da sola per l'America, dirige un ospedale di più di 300 letti, si lancia contro le idee antiquate del suo tempo scrivendo un corrosivo pamphlet anti-omeopatia quiniana. La scrittura è la sua seconda arte, dopo l'omeopatia, con essa si esprime, una mano attenta, intima, femminile, eppure sempre vigile e generosa di citazioni che rivelano la sua mentalità scientifica. Continua a lavorare anche dopo il pensionamento dall'ospedale, nonostante i problemi di salute, fino a 86 anni. Sembra che prima di morire abbia detto: "Alla fine della vita non ci si dovrebbe chiedere quanto piacere ne abbiamo tratto, ma quanto l'abbiamo servita; non quanto successo abbiamo avuto, ma quanti sacrifici abbiamo fatto; non quanto siamo stati felici, ma quanto siamo stati utili". Belle parole: il prof. Kent avrebbe approvato.

Bibliografia

http://sueyounghistories.com/archives/2008/06/27/margaret-lucy-tyler-and-homeopathy/
http://www.homeorizon.com/homeopathic-articles/online-homeopathic-biographies/women-homeopaths
https://en.wikipedia.org/wiki/Henry_Whatley_Tyler
http://homeoint.org/morrell/londonhh/index.htm
Da leggere: Quadri di rimedi omeopatici (1942), Trad. P.Romagnoli, Libriomeopatia.it, 2001
James Tyler Kent Lezioni di filosofia omeopatica (1900) Trad. A.Sabbadini, Red Edizioni, 2004
Da ascoltare: Scott Joplin, The Ragtime Dance, 1907
Da guardare: Downton Abbey (Serie TV 2010-2015)
Da annusare: Rosa 'Tuscany Superb'

Prodotti Consigliati

Lo trovi anche in: Filosofia Omeopatica

Pagine: 32, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 5,61 € invece di 5,90 € Sconto 5%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Lo trovi anche in: Filosofia Omeopatica

Pagine: 32, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 5,61 € invece di 5,90 € Sconto 5%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 
Manuale di clinica omeopatica di pronto intervento

Lo trovi anche in: Clinica Omeopatica

Pagine: 400, Formato: 17x24, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 28,00 € invece di 40,00 € Sconto 30%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Lo trovi anche in: Materia Medica Omeopatica

Pagine: 950, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 52,50 € invece di 75,00 € Sconto 30%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Altri articoli dello stesso autore

Rocco Rubini (1800-1888) e il colera

Lo trovi in: Storia dell'Omeopatia

Autori: Anna Fontebuoni

A Cellino la famiglia Rubini la conoscono tutti. Il padre di Rocco, Settimio Maria, è un possidente in odore di carboneria. Una sera del 1807, sulla via di casa, viene ucciso in un agguato brigantesco, nei boschi che circondano …

La vita di Jean-Pierre Gallavardin [Maestro dell'Omeopatia]

Lo trovi in: Storia dell'Omeopatia

Autori: Anna Fontebuoni

È il 29 maggio 1863, a Lione si è radunata una gran folla, molti medici, intellettuali, nobili, ma anche gente del popolo, e curiosi. Il feretro del conte Sebastien Des Guidi, medico omeopata ultranovantenne, Cavaliere della L…

La vita di Johan Ernst Stapf [Maestro dell'Omeopatia]

Lo trovi in: Storia dell'Omeopatia

Autori: Anna Fontebuoni

La curiosità, la sensibilità, ci piace pensare anche una certa dose di critica alle obsolete tecniche mediche del tempo, lo spingono ad aggiornarsi, a studiare continuamente. Scopre l’Organon di Hahnemann, fresco di stampa, lo leg…

La vita di James Tyler Kent [Maestro dell'Omeopatia]

Lo trovi in: Storia dell'Omeopatia

Autori: Anna Fontebuoni

Il 31 marzo 1849, a Woodhull, nello stato americano di New York, nasce James Tyler Kent. Razza: Bianca. Religione: Battista. Segno zodiacale: Ariete.I genitori, Stephen/Steven Kent e Caroline Tyler/Tyle, erano probabilmente…

La nuova sperimentazione in Omeopatia. Tradire Hahnemann?

Lo trovi in: Metodologia Omeopatica

Autori: Anna Fontebuoni

La sperimentazione del potere patogenetico di sostanze medicinali su persone sane, o 'proving' (leggi pruvin), è notoriamente uno dei principi fondamentali dell'omeopatia. Sin dai tempi di Hahnemann esso rappresenta l'unica …

Vincent Van Gogh e il dott. Gachet: l'incontro dell'artista con l'Omeopatia

Lo trovi in: Storia dell'Omeopatia

Autori: Anna Fontebuoni

Vincent Van Gogh e il dr. Gachet: l'incontro dell'artista con l'omeopatia, dopo un lungo e sofferto pellegrinaggio da un medico all'altro, Vincent Van Gogh incontra il dottor Paul Ferdinand Gachet. Van Gogh è appena uscito da una …

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione