Materia Medica delle favole: Cenerentola

Pubblicato il 14/10/2019

Autori: Laura Naselli

Materia Medica delle favole: Cenerentola

La favola racconta di una fanciulla che, maltrattata ingiustamente, si riscatta grazie alla sua fiducia nella bontà, al suo furbo candore e a una certa dose di fortuna.

Cenerentola, il cui vero nome è sconosciuto, rimane precocemente orfana di sua madre e suo padre sposa una bella vedova che ha già due figlie avvenenti e antipatiche, circa della stessa età di Cenerentola.

La versione a cui faccio riferimento è quella dei fratelli Grimm del 1812, che non lesina quanto a particolari raccapriccianti.

Dunque, la madre vera muore non senza aver raccomandato a Cenerentola di conservarsi pura e onesta e così accade.

Sotto gli occhi di un padre inerme e sostanzialmente complice, ben presto la matrigna e le sorellastre avviano una campagna di bullismo volta all'annientamento della ragazza, che viene progressivamente spogliata dei suoi abitini e delle sue scarpette, avviata a stressanti lavori domestici, umiliata ripetutamente con compiti inutili e ripetitivi, privata del suo letto, ridotta in stracci, impossibilitata a provvedere alla propria igiene personale, costretta ad accucciarsi in un angolo del camino di casa diventando quasi un tutt'uno con la cenere del focolare... da lì il celeberrimo e grazioso nomignolo di Cenerentola.

Malgrado tutto, Cenerentola conserva una bontà d'animo encomiabile, non si ribella, accetta di buon grado questo trattamento degno di un lager e cerca conforto sulla tomba della madre sulla quale va a singhiozzare con regolarità.

Il padre, ma che razza di padre è? Il padre, dicevo, un giorno è costretto a partire per lavoro e chiede alle figliastre cosa vogliono portato in regalo: perle e gioielli, manco a dirsi.

"E tu, Cenerentola, cosa vuoi?". Persino il padre ha dimenticato il vero nome della figlia di primo letto, che con dolcezza risponde: "Babbo, spezzate per me il primo ramoscello che vi urterà il cappello sulla via del ritorno".

Per quanto demenziale possa apparire questa richiesta in realtà Cenerentola non ha perso il senno in mezzo alla cenere del focolare: ella infatti possiede una sua sapienza interiore, una sua qualche conoscenza segreta che la spinge ad una richiesta così assurda.

Detto fatto... il ramoscello che il magnanimo padre le recapita è quello di un nocciolo. In questa versione non c'è alcun riferimento a fate benevole, la saggezza magica appartiene tutta alla vittima.

In effetti il nocciolo viene considerato in molte culture un albero magico, i rabdomanti se ne servono per fabbricare le loro forcelle e pare che molti maghi lo usino per costruire la bacchetta magica personale.

Cenerentola pianta il ramo di nocciolo sulla tomba della madre e ben presto spunta fuori un bell'alberello rigoglioso.

Il tempo del riscatto arriva con un proclama del re che indice tre giorni di balli serali duranti i quali le ragazze in età da marito del regno dovranno presentarsi a corte per permettere al principe di scegliersi una moglie.

Cenerentola desidera ardentemente partecipare al ballo ma prima deve occuparsi della toilette delle sorellastre. Prega la matrigna di lasciare andare anche lei e questa si mostra abbastanza condiscendente, sparge un vaso di lenticchie nella cenere e invita a Cenerentola a raccoglierle tutte in due ore: se ci riuscirà avrà il permesso di andare. Non ha fatto i conti, la megera, con la relazione di mutua assistenza che anni di tormenti hanno fatto nascere tra Cenerentola e la natura circostante: se gli uomini, infatti, non hanno pietà di questa bella fanciulla, ci sono gli animaletti del bosco che suppliscono e subito decine di uccelletti si precipitano in cucina, raccolgono le lenticchie e le depositano nel vaso. La matrigna è sconfitta. Segue un'altra prova uguale: questa volta le confezioni di lenticchie sono due e il tempo di raccolta è dimezzato ma Cenerentola riesce ancora nell'intento. Felice porta alla matrigna i piatti colmi ma la matrigna si stringe nelle spalle.

"Pensaci bene - le dice maligna - sei coperta di cenere e di stracci, pensi di poter essere ammessa alla vista del principe conciata così?". E va via con le due stalker.

Cenerentola non si perde d'animo, in fondo adesso ha il permesso di uscire e se è la mancanza di un abbigliamento adeguato beh, per quello non c'è problema: si rivolge al nocciolo sul quale si materializzano vestito da favola e scarpe annesse. La trasformazione è tale che, recatasi al ballo, le sue coinquiline non la riconoscono ma il principe va in brodo di giuggiole. Inutilmente, dopo aver ballato con lei tutta la notte, ottiene più di qualche sorriso; la ragazza scappa via, si spoglia in fretta e si riaccuccia nel focolare. La seconda sera le cose vanno esattamente allo stesso modo. Il principe è sempre più cotto ma non riesce proprio ad acchiappare e a tenere stretta la sua preda. A questo punto arriva la terza sera, il principe fa cospargere le scale del palazzo di pece e Cenerentola, dopo il consueto ammaliamento danzante, ci lascia appiccicata una delle sue scarpine d'oro.

Comincia quindi l'affannosa ricerca del piede giusto; la favola racconta che entrambe le sorellastre di Cenerentola, su invito della loro pratica madre, provvedono a tagliarsi i piedi pur di calzare la scarpa d'oro, una sacrifica un pezzo di avampiede e l'altra un pezzo di calcagno. L'unica a cui la scarpina veste perfettamente è la nostra Cenerentola che, finalmente riconosciuta dal principe feticista, convola a giuste nozze non senza che i suoi amici uccellini non riescano a perpetrare un'orrenda vendetta a carico delle due sorellastre alle quali, a colpi di becco, strappano gli occhi. Zoppe e cieche dunque finiscono coloro che hanno osato farsi beffe della magia di un albero di nocciolo.

Di certo non faremo mancare una bella Staphysagria alla nostra eroina, ad alte diluizioni crescenti e ripetute nel tempo, perché ne ha veramente viste di cotte e di crude, anche se... Sankaran mi ha fatto riflettere e anche parecchio! Cenerentola è intrappolata in una realtà triste e degradante, nella favola la sera va a piangere ai piedi del nocciolo che è cresciuto sulla tomba della madre facendo, si suppone, progetti. Nella trasposizione Disneyana ci ricorda che i sogni son desideri, quindi elabora progetti durante la notte e si arrabatta come può durante il giorno, situazione molto tipica di China officinalis, per cui se Staphysagria agirà sulle modalità di risposta, China probabilmente la accompagnerà a lungo.

Mi intrigano tanto le due sorellastre, gelose oltre ogni dire, le immagino ciarliere, sempre sopra le righe, scatenate nella loro ricerca di trovare modi sempre più sottili e divertenti di umiliare la loro graziosa servetta, quindi Lachesis muta potrebbe anche andare per loro ma ciò che mi colpisce, in questa versione della favola, è la freddezza con la quale, pur di ottenere un posto negli ambienti che contano, decidono di amputare una parte di se stesse. Non si fermano davanti a nulla: la favola, ad un certo punto, gronda sangue esattamente come la scarpina d'oro. Forse Hydrophobinum potrebbe essere preso in considerazione.

Lo stesso rimedio potrebbe essere usato anche per la matrigna.

E se la rabbia può accecare non ci meraviglia la scelta salomonica degli uccelli di privare dell'organo della vista le due disgraziate.

Grazie.

Prodotti Consigliati

Lo trovi anche in: Materia Medica Omeopatica

Pagine: 88, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 14,16 € invece di 14,90 € Sconto 5%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Lo trovi anche in: Materia Medica Omeopatica

Pagine: 96, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 14,16 € invece di 14,90 € Sconto 5%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Altri articoli dello stesso autore

Materia Medica del dramma antico: Antigone di Sofocle

Autori: Laura Naselli

La vicenda narrata da Sofocle è la conseguenza del tragico matrimonio incestuoso tra Edipo e sua madre Giocasta. Da esso sono nati quattro figli, le sorelle Antigone e Ismene e i fratelli Eteocle e Polinice. Edipo, scoperto il …

Materia Medica del dramma antico: Prometeo incatenato di Eschilo

Autori: Laura Naselli

Lo vediamo Prometeo, gigantesco, mentre il dio Efesto prepara le catene che gli bloccheranno petto, gambe, braccia e lo crocifiggeranno a una rupe nella lontana Scizia, ai confini del mondo. Il titano Prometeo ha portato la…

Materia Medica del dramma antico: Ecuba di Euripide

Autori: Laura Naselli

La tragedia a sfumature gotiche inizia con l'apparizione del fantasma di Polidoro. Questo giovane era uno dei cinquanta figli di Priamo e Ecuba, i sovrani della sconfitta Troia. Priamo, all'inizio della guerra tra Troiani e Greci,…

Materia Medica del dramma antico: Medea di Seneca

Autori: Laura Naselli

Nella mia incessante ricerca relativa all'applicazione del metodo omeopatico ai personaggi letterari mi sono imbattuta nel Dramma Antico. Essere catanese e vivere quasi a due passi dal meraviglioso Teatro Greco di Siracusa dove…

Materia Medica delle favole: Scarpette rosse

Autori: Laura Naselli

Ancora una volta Andersen, un Autore a cui sono particolarmente affezionata e che mi ispira tenerezza. La favola ci racconta di una bambina, Karen, che è incredibilmente povera e nella sua breve vita non ha mai posseduto nemmeno …

Materia Medica delle favole: La Bella e la Bestia

Autori: Laura Naselli

La Disney di questa favola ha fatto un capolavoro di animazione! È stata scritta infatti da Madame de Beaumont, vissuta nel Settecento, istitutrice di pargoli illustri e Autrice di una settantina di opere. La vicenda ha chiari …

Materia Medica delle favole: Il re porco

Autori: Laura Naselli

Scritta da Vittorio Imbriani, questa storia è densa di crudeltà e omicidi. Il suo Autore era una persona singolare e sfortunata. Imparentato con la politica, uomo dell'Ottocento, intellettuale vivace, Vittorio Imbriani visse t…

Materia Medica delle favole: Cappuccetto Rosso

Autori: Laura Naselli

Cappuccetto Rosso è un'altra favola molto nota, diffusa in Europa da centinaia di anni che, nelle sue migliori intenzioni, vuole insegnare ai bambini, soprattutto alle bambine, a non fidarsi degli estranei che possono anche avere …

Materia Medica delle favole: Biancaneve

Autori: Laura Naselli

La vicenda è famosa. Narrata dai fratelli Grimm ebbe una prima pubblicazione nel 1812 e una successiva, quella ufficiale, nel 1819, profondamente riveduta e corretta. Una regina si dedica ai lavori di cucito, si punge il dito e …

La visita omeopatica di l'Azzecca-garbugli dei Promessi Sposi

Lo trovi in: Estratti Libri - Recensioni

Autori: Michela Casanica Laura Naselli

Pubblichiamo un estratto dell'opera scherzosa "Materia Medica dei Promessi Sposi", di Michela Casanica e Laura Naselli, in cui le Autrici si sono divertite a fare un ritratto dei personaggi dell'Opera del Manzoni da un punto di…

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione