Materia Medica del dramma antico: Antigone di Sofocle

Pubblicato il 07/06/2021

Autori: Laura Naselli

Materia Medica del dramma antico: Antigone di Sofocle

La vicenda narrata da Sofocle è la conseguenza del tragico matrimonio incestuoso tra Edipo e sua madre Giocasta. Da esso sono nati quattro figli, le sorelle Antigone e Ismene e i fratelli Eteocle e Polinice. Edipo, scoperto il proprio errore, si è accecato ed è andato via da Tebe in compagnia delle figlie. Dopo la sua morte, le ragazze sono tornate a Tebe dove, nel frattempo, si è scatenata una lotta tra Eteocle e Polinice, entrambi pretendenti al trono. Eteocle ha scacciato Polinice che è tornato in armi. La guerra finisce dopo che i due fratelli si sono uccisi reciprocamente. Il nuovo re è Creonte, fratello di Giocasta; l'uomo ha stabilito che Eteocle è un eroe, quindi gli deve essere fatto un funerale di stato, mentre Polinice è un traditore, il suo cadavere dovrà essere lasciato insepolto e chi lo tocca verrà lapidato a morte.

All'inizio della tragedia Antigone parla con Ismene: è molto turbata dall'editto di Creonte e ha intenzione di ribellarsi seppellendo suo fratello. Chiede quindi aiuto a sua sorella, ma Ismene ha paura delle ritorsioni del sovrano e si tira indietro supplicando Antigone di comportarsi con buon senso. Antigone è perentoria e chiude i rapporti con lei: "Io ti odierò e giustamente sarai in odio al defunto", le dice. Entrambe escono di scena.

Entra Creonte e fin dall'inizio sottolinea di detenere sia il trono che il potere assoluto. Invoca ripetutamente gli dèi in proprio favore e dispone ancora per le spoglie dei due fratelli, suoi nipoti, caduti. Una guardia entra in scena e, in preda al terrore, gli confessa che qualcuno ha sparso della sabbia sul cadavere di Polinice e che, malgrado le indagini, non si è riusciti a sapere chi sia stato.

Corifeo, il capo dell'immancabile coro greco, suggerisce a Creonte che forse quella è la volontà degli dèi ma Creonte s'imbestialisce e spedisce la guardia a trovare il colpevole altrimenti sarà lei a pagare. Dopo un po' la guardia ritorna trascinando Antigone: è lei la colpevole. Creonte è stupito, una donna? Il re e la figlia dell'ex re Edipo si affrontano. Antigone si giustifica ma mantiene il suo tono altero e sicuro di sé. "Io non potevo, per paura di un uomo arrogante, attirarmi il castigo degli dèi" e ancora: "Io sono fatta per condividere l'amore, non l'odio". Creonte non sente scuse: "Io non prenderò ordini da una donna". Sulla scena irrompe Ismene in lacrime che si affianca alla sorella e chiede di essere punita con lei, ma Antigone la allontana, vuole essere la sola. Creonte decide di far morire entrambe, ma poi ci ripensa e stabilisce che, poiché Antigone è stata l'autrice materiale del misfatto, punirà solo lei.

Nemmeno l'intervento di Emone, figlio di Creonte e fidanzato di Antigone, servirà a qualcosa, Creonte infatti lo tratta con disprezzo. "Alla mia età dovrò sentire le prediche di un ragazzo?". Il re decide però di non far lapidare Antigone: la farà murare in una cella con cibo bastevole, non le toglierà la vita ma la luce del sole. Antigone viene trascinata via. Emone va via. Sulla scena arriva l'indovino cieco, Tiresia, che predice gravi lutti familiari a Creonte se si ostinerà nei suoi propositi.

Creonte lo scaccia ma un dubbio si insinua nella sua mente: conosce le virtù profetiche di Tiresia, teme l'ira divina e decide di liberare Antigone. Si precipita alla cella ma arriva troppo tardi: Antigone si è impiccata. Emone disperato gli si scaglia contro, mancandolo; poi rivolge l'arma contro sé stesso facendo harakiri. A Tebe scoppia un'epidemia pestilenziale e, per finire, Euridice madre di Emone scopre tutto, si ritira nel palazzo e si suicida. Quando si parla di tragedia greca...

Da un lato Creonte, il potere costituito, dall'altro Antigone l'outsider.

Creonte è ottuso, arrogante, dittatoriale, sprezzante nei confronti di tutti, convinto di lusingare gli dèi che, in realtà, teme. Il vaticinio di Tiresia lo spaventa, la sua superstiziosità emerge, si rimangia tutto, è un dittatore sconfitto in fuga da sé stesso. Forse Veratrum album gli si adatta.

Antigone ci appare subito inquieta e determinata nel suo desidero di onorare la salma del fratello. È mossa dall'amore fraterno, dal rispetto delle leggi divine ma è anche dura, inflessibile, giudicante nei confronti della sorella. Fredda e appassionata allo stesso tempo, sfida serenamente il re ma quando si vede chiusa al buio preferisce darsi la morte. La mancanza di luce le appare insopportabile. Decide lei della sua vita, eroina solitaria in una Tebe vittima di un "morbo violento".

Credo che Arsenicum album abbia molto delle sue caratteristiche.

Grazie.

N.B. La versione che ho utilizzato è: Sofocle, Antigone - Edipo Re - Edipo a Colono, a cura di Franco Ferrari, BUR.

Prodotti Consigliati

Lo trovi anche in: Materia Medica Omeopatica

Pagine: 88, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 14,16 € invece di 14,90 € Sconto 5%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Lo trovi anche in: Materia Medica Omeopatica

Pagine: 96, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 14,16 € invece di 14,90 € Sconto 5%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Altri articoli dello stesso autore

Materia Medica del dramma antico: Prometeo incatenato di Eschilo

Autori: Laura Naselli

Lo vediamo Prometeo, gigantesco, mentre il dio Efesto prepara le catene che gli bloccheranno petto, gambe, braccia e lo crocifiggeranno a una rupe nella lontana Scizia, ai confini del mondo. Il titano Prometeo ha portato la…

Materia Medica del dramma antico: Ecuba di Euripide

Autori: Laura Naselli

La tragedia a sfumature gotiche inizia con l'apparizione del fantasma di Polidoro. Questo giovane era uno dei cinquanta figli di Priamo e Ecuba, i sovrani della sconfitta Troia. Priamo, all'inizio della guerra tra Troiani e Greci,…

Materia Medica del dramma antico: Medea di Seneca

Autori: Laura Naselli

Nella mia incessante ricerca relativa all'applicazione del metodo omeopatico ai personaggi letterari mi sono imbattuta nel Dramma Antico. Essere catanese e vivere quasi a due passi dal meraviglioso Teatro Greco di Siracusa dove…

Materia Medica delle favole: Cenerentola

Autori: Laura Naselli

La favola racconta di una fanciulla che, maltrattata ingiustamente, si riscatta grazie alla sua fiducia nella bontà, al suo furbo candore e a una certa dose di fortuna. Cenerentola, il cui vero nome è sconosciuto, rimane p…

Materia Medica delle favole: Scarpette rosse

Autori: Laura Naselli

Ancora una volta Andersen, un Autore a cui sono particolarmente affezionata e che mi ispira tenerezza. La favola ci racconta di una bambina, Karen, che è incredibilmente povera e nella sua breve vita non ha mai posseduto nemmeno …

Materia Medica delle favole: La Bella e la Bestia

Autori: Laura Naselli

La Disney di questa favola ha fatto un capolavoro di animazione! È stata scritta infatti da Madame de Beaumont, vissuta nel Settecento, istitutrice di pargoli illustri e Autrice di una settantina di opere. La vicenda ha chiari …

Materia Medica delle favole: Il re porco

Autori: Laura Naselli

Scritta da Vittorio Imbriani, questa storia è densa di crudeltà e omicidi. Il suo Autore era una persona singolare e sfortunata. Imparentato con la politica, uomo dell'Ottocento, intellettuale vivace, Vittorio Imbriani visse t…

Materia Medica delle favole: Cappuccetto Rosso

Autori: Laura Naselli

Cappuccetto Rosso è un'altra favola molto nota, diffusa in Europa da centinaia di anni che, nelle sue migliori intenzioni, vuole insegnare ai bambini, soprattutto alle bambine, a non fidarsi degli estranei che possono anche avere …

Materia Medica delle favole: Biancaneve

Autori: Laura Naselli

La vicenda è famosa. Narrata dai fratelli Grimm ebbe una prima pubblicazione nel 1812 e una successiva, quella ufficiale, nel 1819, profondamente riveduta e corretta. Una regina si dedica ai lavori di cucito, si punge il dito e …

La visita omeopatica di l'Azzecca-garbugli dei Promessi Sposi

Lo trovi in: Estratti Libri - Recensioni

Autori: Michela Casanica Laura Naselli

Pubblichiamo un estratto dell'opera scherzosa "Materia Medica dei Promessi Sposi", di Michela Casanica e Laura Naselli, in cui le Autrici si sono divertite a fare un ritratto dei personaggi dell'Opera del Manzoni da un punto di…

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione