Materia Medica del dramma antico: Prometeo incatenato di Eschilo

Pubblicato il 05/10/2020

Autori: Laura Naselli

Materia Medica del dramma antico: Prometeo incatenato di Eschilo

Lo vediamo Prometeo, gigantesco, mentre il dio Efesto prepara le catene che gli bloccheranno petto, gambe, braccia e lo crocifiggeranno a una rupe nella lontana Scizia, ai confini del mondo.

Il titano Prometeo ha portato la conoscenza agli uomini e, soprattutto, il fuoco e per questa grave colpa Zeus lo ha condannato ad essere avvinto ad una rupe con il volto verso il cielo. Ogni giorno un'aquila scenderà su di lui per divorargli il fegato, che andrà incontro ad autorigenerazione in modo che l'aquila banchetti per l'eternità. Perché qui si parla di dèi, quindi i tempi si allungano di parecchio. Il mito racconta che Eracle, un giorno, verrà a liberarlo.

Ma veniamo alla tragedia di Eschilo. Potere e Forza entrano in scena recando Prometeo, li segue Efesto, il fabbro dell'Olimpo, con gli attrezzi necessari. Potere invita Efesto a darsi da fare in fretta: la punizione non può aspettare. Egli dovrà "con grande forza, inchiodarlo alla rupe". Efesto si mette al lavoro, anche se prova grande pena per il condannato, ma non osa ribellarsi alla volontà del padre Zeus. Una volta svolto il suo compito si allontana. Anche Forza e Potere escono di scena, non prima però che Potere abbia preso in giro Prometeo, detto "il preveggente", perché non è stato capace di prevedere la propria fine ignominiosa. Prometeo rimane solo, egli è pronto ad accettare la sorte quando entrano in scena le Oceanine che lo compiangono ad alta voce, come si conviene ad ogni tragedia greca.

Prometeo racconta la sua storia. Ci spiega che, tra tutti i Titani, era l'unico che si fosse schierato dalla parte di Zeus dopo che questi aveva detronizzato suo padre Kronos, il crudele mangiatore di neonati, ma che questa alleanza si era spezzata nel momento in cui Zeus, una volta divenuto re dell'Olimpo, aveva distribuito privilegi a tutti tranne che ai mortali.

Questi, "gli infelici", vivevano una vita subumana, non conoscevano case, mattoni, non sapevano lavorare il legno, non avevano medicine e "vivevano sotterra come labili formiche". Prometeo non poté sopportare questa ingiustizia e scese tra di loro insegnando i numeri, "i segni scritti" e, per finire, portò loro il fuoco, spingendoli quindi verso l'evoluzione. Ma i miti e le storie di religione ci raccontano di come sia pericolosa l'acquisizione della conoscenza e che questa ha un prezzo altissimo. In questo caso, è Prometeo a pagare per tutti.

A questo punto sulla scena irrompe, un po' confusa, Io, una fanciulla che reca sulla testa delle corna di mucca, una vittima dell'eterna diatriba tra Zeus e sua moglie Era. Zeus, instancabile traditore, l'ha concupita; Era, instancabile vendicatrice, l'ha perseguitata. Narra infatti il mito che Zeus, per salvarla, l'ha trasformata in giovenca; Era, allora, le ha spedito dietro un tafano che la tormenta. La povera Io percorre la terra in cerca di sollievo. Prometeo le predice che un giorno troverà pace, che attraverserà il Bosforo a nuoto e che dai suoi fianchi nascerà una stirpe che darà origine ad Eracle, il suo salvatore.

Io, disperata, esce di scena sbraitando sulla propria sorte.

Prometeo continua a vaticinare su Zeus predicendo la sua caduta, allora questi manda Ermes che chiede a Prometeo di rivelargli questo segreto. Lo minaccia: "Il padre degli dei frantumerà la roccia... e ti seppellirà", e poi: "l'aquila fulva... verrà... a cibarsi del tuo fegato nero e questa pena non avrà mai fine".

Prometeo lo tratta come un servo degli dèi, un ragazzetto imbecille e lo manda a quel paese.

A questo punto la folgore si abbatte su di lui che grida al mondo: "Quello che soffro è contro la giustizia".

Analisi omeopatica

Prometeo è un eroe coraggioso e onesto. A lui ha pensato già Jan Scholten che ha il rimedio giusto: Promethium. Prodotto dalla scissione dell'Urano, il rimedio che aiuta gli altri ad essere indipendenti e liberi, che produce la luce, in altre parole la conoscenza; potente terapeuta, insegnante, impegnato nel padroneggiare il proprio mondo spirituale. Il fegato è uno dei suoi punti deboli.

Mi piace ricordare anche la povera Io, vittima dei capricci degli dei. Sembra che Natrum muriaticum le calzi a pennello, anche se una vocina (suggeritami da Rajan Sankaran) mi ricorda le malvacee e in particolare Abelmoschus, afflitto dalla paura degli insetti, si sente "estraniato dalla famiglia e separato dal mondo".

 

N.B. La versione da me usata è Eschilo, Le tragedie, introduzione di Luigi Lunari, Universale Letteraria Sansoni.

Prodotti Consigliati

Lo trovi anche in: Materia Medica Omeopatica

Pagine: 88, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 14,16 € invece di 14,90 € Sconto 5%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Lo trovi anche in: Materia Medica Omeopatica

Pagine: 96, Tipologia: Libro cartaceo, Editore: Salus Infirmorum
Prezzo 14,16 € invece di 14,90 € Sconto 5%
Disponibilità Immediata. Pronto per la spedizione

 

Altri articoli dello stesso autore

Materia Medica del dramma antico: Antigone di Sofocle

Autori: Laura Naselli

La vicenda narrata da Sofocle è la conseguenza del tragico matrimonio incestuoso tra Edipo e sua madre Giocasta. Da esso sono nati quattro figli, le sorelle Antigone e Ismene e i fratelli Eteocle e Polinice. Edipo, scoperto il …

Materia Medica del dramma antico: Ecuba di Euripide

Autori: Laura Naselli

La tragedia a sfumature gotiche inizia con l'apparizione del fantasma di Polidoro. Questo giovane era uno dei cinquanta figli di Priamo e Ecuba, i sovrani della sconfitta Troia. Priamo, all'inizio della guerra tra Troiani e Greci,…

Materia Medica del dramma antico: Medea di Seneca

Autori: Laura Naselli

Nella mia incessante ricerca relativa all'applicazione del metodo omeopatico ai personaggi letterari mi sono imbattuta nel Dramma Antico. Essere catanese e vivere quasi a due passi dal meraviglioso Teatro Greco di Siracusa dove…

Materia Medica delle favole: Cenerentola

Autori: Laura Naselli

La favola racconta di una fanciulla che, maltrattata ingiustamente, si riscatta grazie alla sua fiducia nella bontà, al suo furbo candore e a una certa dose di fortuna. Cenerentola, il cui vero nome è sconosciuto, rimane p…

Materia Medica delle favole: Scarpette rosse

Autori: Laura Naselli

Ancora una volta Andersen, un Autore a cui sono particolarmente affezionata e che mi ispira tenerezza. La favola ci racconta di una bambina, Karen, che è incredibilmente povera e nella sua breve vita non ha mai posseduto nemmeno …

Materia Medica delle favole: La Bella e la Bestia

Autori: Laura Naselli

La Disney di questa favola ha fatto un capolavoro di animazione! È stata scritta infatti da Madame de Beaumont, vissuta nel Settecento, istitutrice di pargoli illustri e Autrice di una settantina di opere. La vicenda ha chiari …

Materia Medica delle favole: Il re porco

Autori: Laura Naselli

Scritta da Vittorio Imbriani, questa storia è densa di crudeltà e omicidi. Il suo Autore era una persona singolare e sfortunata. Imparentato con la politica, uomo dell'Ottocento, intellettuale vivace, Vittorio Imbriani visse t…

Materia Medica delle favole: Cappuccetto Rosso

Autori: Laura Naselli

Cappuccetto Rosso è un'altra favola molto nota, diffusa in Europa da centinaia di anni che, nelle sue migliori intenzioni, vuole insegnare ai bambini, soprattutto alle bambine, a non fidarsi degli estranei che possono anche avere …

Materia Medica delle favole: Biancaneve

Autori: Laura Naselli

La vicenda è famosa. Narrata dai fratelli Grimm ebbe una prima pubblicazione nel 1812 e una successiva, quella ufficiale, nel 1819, profondamente riveduta e corretta. Una regina si dedica ai lavori di cucito, si punge il dito e …

La visita omeopatica di l'Azzecca-garbugli dei Promessi Sposi

Lo trovi in: Estratti Libri - Recensioni

Autori: Michela Casanica Laura Naselli

Pubblichiamo un estratto dell'opera scherzosa "Materia Medica dei Promessi Sposi", di Michela Casanica e Laura Naselli, in cui le Autrici si sono divertite a fare un ritratto dei personaggi dell'Opera del Manzoni da un punto di…

Disclaimer

Le informazioni contenute in questo articolo sono puramente divulgative. Tutte le eventuali terapie, trattamenti o interventi energetici di qualsiasi natura che qui dovessero essere citati devono essere sottoposti al diretto giudizio di un medico. Niente di ciò che viene descritto in questo articolo deve essere utilizzato dal lettore o da chiunque altro a scopo diagnostico o terapeutico per qualsiasi malattia o condizione fisica. L'Autore e l'Editore non si assumono la responsabilità per eventuali effetti negativi causati dall'uso o dal cattivo uso delle informazioni qui contenute. Nel caso questo articolo fosse, a nostra insaputa, protetto da copyright, su segnalazione, provvederemo subito a rimuoverlo. Questo sito non è da considerarsi una testata giornalistica in quanto non viene aggiornato con una frequenza costante e prestabilita. Gli articoli prodotti da noi sono coperti da copyright e non possono essere copiati senza nostra autorizzazione